News

Joseph Grosso: “Miniere oscure: il ventre molle dei veicoli elettrici”

today12 Aprile 2023 3

Joseph Grosso: “Miniere oscure: il ventre molle dei veicoli elettrici”
share close
Joseph Grosso: “Miniere oscure: il ventre molle dei veicoli elettrici”

combat-coc.org – 11/04/2023

Combat COC » Blog Archive » Miniere oscure: il ventre molle dei veicoli elettrici (combat-coc.org)

 

Chiunque negli ultimi tempi abbia sfogliato la stampa economica avrà sicuramente notato che il tema dei veicoli elettrici è praticamente quotidiano. Secondo un recente rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, nel 2022 i veicoli elettrici erano circa un’autovettura su sette a livello globale. La Norvegia rimane il leader mondiale con circa l’80% delle nuove autovetture elettriche, grazie soprattutto all’installazione di stazioni di ricarica da parte del governo. L’Islanda è attualmente al secondo posto con circa il 60%. Entrambi i paesi dispongono di enormi quantità di energia rinnovabile: energia idroelettrica per la Norvegia, geotermica per l’Islanda.

Le vendite di veicoli elettrici negli Stati Uniti sono quasi raddoppiate l’anno scorso, raggiungendo circa il 6%. Grazie all’approvazione dell’Inflation Reduction Act lo scorso anno, che ha esteso per 10 anni il credito d’imposta di 7500 dollari per i veicoli elettrici (con requisiti di reddito e di costo e a condizione che una quantità significativa di veicoli elettrici sia prodotta negli Stati Uniti), si prevede che quest’anno le vendite aumenteranno ulteriormente.

Le principali case automobilistiche hanno annunciato investimenti per miliardi di dollari per competere con Tesla e i nuovi arrivati ​​cinesi come BYD. Il nuovo CEO di Toyota, Koji Sato, promette di rimediare al lento avvio della sua azienda sui veicoli elettrici mentre Ford sembra essere alle prese con una serie di problemi. Volkswagen ha recentemente presentato un modello EV di massa (al prezzo di $ 25.000), cosa che Tesla si ripromette da tempo di fare, anche se resta da vedere se la società consegnerà l’auto entro la scadenza fissata del 2025. La quotazione delle azioni di Tesla è sempre al centro dell’attenzione, grazie al suo chiassoso patron.

La pandemia ha rivelato una cosa, l’importanza delle catene di approvvigionamento e della logistica nella vita moderna. Questo vale in particolare per i veicoli elettrici, perché c’è un segreto scomodo nell’economia verde: può risultare alquanto sporca.

Quel che è certo è che a livello globale l’estrazione dovrà aumentare notevolmente per consentire una decarbonizzazione significativa dell’industria automobilistica. Una stima del meteorologo del settore Benchmark Minerals prevede che un aumento di sei volte della domanda di batterie agli ioni di litio richiederebbe l’apertura di 384 nuove miniere a livello mondiale. Per quanto riguarda i veicoli elettrici, una stima ampiamente citata di Zeke Hausfather del Breakthrough Institute prevede che un veicolo elettrico deve percorrere circa 16.000 miglia prima di raggiungere le emissioni zero, considerando la quantità di energia che viene impiegata per costruire ogni auto.

Un elemento importante utilizzato nelle batterie agli ioni di litio che fanno funzionare gli EV è il nichel. Il nichel conferisce alle batterie una maggiore densità energetica e una maggiore capacità di accumulo, consentendo ai veicoli elettrici di percorrere più chilometri con una singola carica. L’Indonesia possiede i più grandi depositi di nichel al mondo, circa il 22% della disponibilità globale, in particolare sull’isola di Sulawesi. Storicamente, il minerale di nichel veniva esportato dalla regione senza essere lavorato, ma circa dieci anni fa il governo indonesiano ne ha vietato l’esportazione per cercare di attirare le industrie pesanti. Questo ha portato alla realizzazione dell’Indonesia Morowali Industrial Park, noto come IMIP, un complesso di 3000 ettari che comprende acciaierie, centrali elettriche a carbone e impianti di lavorazione del nickel, oltre a un aeroporto e a un porto di proprietà. Il progetto è frutto di una joint venture tra aziende industriali cinesi e indonesiane.

Tra il 2020 e il 2022 la produzione di nichel è più che raddoppiata, raggiungendo 1,6 milioni di tonnellate, quasi la metà dell’intera produzione mondiale. Nell’aprile 2022, un consorzio guidato dal LG Energy Solution, il secondo produttore mondiale di batterie per veicoli elettrici, ha firmato un contratto da 9 miliardi di dollari con l’Indonesia Battery Company e la società mineraria Aneka Tamben. Pochi mesi dopo, nell’agosto 2022, Tesla ha stipulato un contratto da 5 miliardi di dollari con due società cinesi che operano nell’IMIP, CNGR Advanced e Zhejiang Huayou Colbalt. Attualmente le compagnie cinesi sono largamente predominanti nelle catene di fornitura dei veicoli elettrici, per ironia della sorte anche a causa della loro scarsa attenzione alle questioni ambientali (“Questo predominio riguarda anche i metalli delle terre rare”). Il loro nome non deriva dalla loro scarsità, ma dalla difficoltà di estrarli. Secondo l’ultimo rilevamento, la Cina controlla il 71% dell’estrazione mondiale e l’87% della capacità di lavorazione). Negli ultimi tre anni, infatti, l’Indonesia ha firmato più di una dozzina di accordi per un valore di oltre 15 miliardi di dollari per i materiali delle batterie e la produzione di veicoli elettrici con produttori globali come Hyundai, LG e Foxconn.

Il numero di lavoratori dell’IMIP è passato dai 28.000 del 2019 ai 66.000 di oggi, trasformando quello che un decennio fa era un villaggio di pescatori in una frenetica giungla industriale. “È come se avessero piazzato una città nel mezzo di un paradiso”, ha dichiarato di recente alla rivista Wired Iman Shofwan, responsabile della ricerca per l’organizzazione no-profit indonesiana JATAM. Le infrastrutture locali hanno faticato a far fronte all’improvvisa crescita, e i lavoratori vivono in baracche costruite in fretta e furia, mentre le case e le imprese locali subiscono lunghi blackout. Lo scorso settembre, il Brookings Institute ha presentato un rapporto sull’impatto ambientale del settore del nichel, con particolare attenzione alla dipendenza dal carbone. Il carbone fornisce circa il 60% della capacità elettrica totale dell’Indonesia, dove i parchi industriali rappresentano il 15% della produzione di carbone. I rifiuti dell’industria hanno decimato la pesca locale e la deforestazione ha aumentato l’erosione e il rischio di inondazioni improvvise. I lavoratori hanno un salario basso, in alcuni casi inferiore al minimo, in condizioni pericolose. Gli scioperi sono stati colpiti con la tipica repressione. A gennaio, nella fonderia PT Gunbuster Nickel Industry sono stati uccisi due lavoratori che protestavano.

Se in Indonesia la situazione è drammatica, nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) la situazione è ancora peggiore. Un altro ingrediente delle batterie ricaricabili agli ioni di litio è il cobalto. Il cobalto garantisce che i catodi all’interno delle batterie non si surriscaldino o prendano fuoco facilmente e contribuisce a prolungarne la durata. Sebbene il cobalto sia presente in quasi tutti i dispositivi tecnologici che utilizziamo, il maggior utilizzatore è ora il settore dei veicoli elettrici, che consuma il 34% della produzione globale, pari a 64.000 tonnellate, un valore destinato ad aumentare in modo sostanziale con l’incremento dei veicoli elettrici. Circa il 75% del cobalto mondiale è estratto nella RDC. Come descrive Siddharth Kara nel suo recente libro Cobalt Red: “Come il sangue del Congo nutre le nostre vite”, una buona parte di questo cobalto viene estratto da “minatori artigianali”, ossia persone disperatamente povere, tra cui molti bambini, per pochi centesimi al giorno. Secondo un rapporto del Cobalt Institute dello scorso maggio, la quantità di cobalto estratta in questo modo nella catena di approvvigionamento globale è pari al 12%. Secondo Kara, il dato potrebbe essere superiore al 30%. Secondo le sue stime, le gallerie scavate dai minatori artigianali sono tra 10.000 e 15.000.

Con la sua descrizione dei bambini mutilati e uccisi nei crolli delle miniere in un Paese che è già stato vittima dell’esempio forse più orrendo dell’imperialismo occidentale e che, dopo l’indipendenza, è stato tormentato da dittature e guerre, Kara mette veramente a nudo il fondo dell’economia globale. Kara parla del sito minerario di Tilwezembe, che ospita più lavoro minorile di qualsiasi altra miniera ufficiale del Congo:

È una tragedia. La depravazione e l’indifferenza perpetrata nei confronti dei bambini che lavorano a Tilwezembe sono la diretta conseguenza di un ordine economico globale che sfrutta la povertà, la vulnerabilità e l’umanità svalorizzata di coloro che lavorano in fondo alle catene di approvvigionamento globali.

I veicoli elettrici utilizzano anche una quantità di rame tre volte superiore a quella delle auto a benzina, oltre a una grande quantità di litio. Alcune delle più grandi miniere di rame si trovano in Perù, secondo produttore mondiale di rame, dove i lavoratori rurali si sono recentemente ribellati a un sistema politico corrotto e iniquo. Anche l’Africa possiede notevoli riserve di rame e registra un aumento della sua produzione.

I veicoli elettrici non sono certo gli unici pezzi di tecnologia all’avanguardia che sfruttano i lavoratori del Sud globale. Un altro tema che ha occupato la stampa economica è lo sviluppo dell’IA generativa, come quella di Cseph GrossoohatGPT. Il capitale di rischio si sta riversando sulle startup di IA, 3,6 miliardi di dollari in 239 operazioni di IA da gennaio a metà marzo, secondo l’analisi degli investimenti di PitchBook, mentre l’industria tecnologica in generale sta assistendo a una mini-ripresa a causa dell’aumento dei tassi d’interesse che ha bloccato gran parte del capitale a basso costo affluito durante il picco della pandemia. Il 17 marzo Morningstar riportava che, dall’inizio dell’anno, 139.000 dipendenti del settore tecnologico hanno perso il lavoro. Uno dei problemi più grandi che incombe sul suo sviluppo è il timore che l’IA e i relativi algoritmi riproducano gli orientamenti razzisti, sessisti e generalmente violenti della società corrotta dei suoi creatori. A gennaio, la rivista Time ha riportato che OpenAI ha utilizzato lavoratori in Kenya per rendere ChatGPT meno tossico. Ha collaborato con una società chiamata Sama, un’azienda di San Francisco che impiega lavoratori in Kenya, Uganda e India per classificare i dati per i clienti della Silicon Valley. Queste classificazioni vagliano una quantità infinita di contenuti raccapriccianti su Internet per identificare ciò che è pericoloso al e rafforzare l’apprendimento automatico. Per questo lavoro, i lavoratori ricevono un salario compreso tra 1,32 e 2 dollari l’ora.

Facebook ha anche utilizzato Sama per far lavorare i dipendenti al gravoso compito di rivedere e rimuovere i contenuti vietati prima che vengano visti dagli utenti. Time descrive lavoratori che lottano contro la sindrome da stress post-traumatico dovuta all’esposizione costante a contenuti molto crudi, senza poter accedere all’assistenza psicologica che invece dovrebbe essere disponibile. Anche in questo caso, i tentativi di organizzarsi per ottenere salari più alti e condizioni migliori incontrano l’ostilità.

Queste fabbriche digitali sono ormai diffuse nel Sud del mondo. Qualche anno fa Jeff Bezos fu forse il primo a utilizzare pubblicamente il termine “microlavoro”. Bezos ha dichiarato: “Pensate a questo come a un microlavoro, quindi per un centesimo potete pagare qualcuno per dirvi se c’è un essere umano nella foto”. Questa è stata la presentazione di Amazon Mechanical Turk. È stato emulato da concorrenti come Clickworker, Appen e Scale. La maggior parte dei lavori su questi siti dura a malapena un minuto e fa guadagnare pochi centesimi. Per i lavoratori del Nord globale questi siti rientrano in gran parte nella “gig economy”, e i lavoratori li utilizzano per aumentare le ore di lavoro e i salari stagnanti. Invece per molti lavoratori del Sud globale, che secondo le stime sono circa 20 milioni, il microlavoro è un lavoro a tempo pieno, il che è comprensibile se si considera l’ampia percentuale di forza lavoro globale che lavora nell’economia informale. Un’indagine dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro ha rilevato che il 36% di questi lavoratori lavora regolarmente sette giorni su sette.

Che fare? I consumatori possono sempre fare pressione sulle aziende per quanto riguarda il rispetto degli standard lavorativi e ambientali. Ma le multinazionali sostengono regolarmente che i loro subappaltatori sono accuratamente controllati e corretti. Il riciclaggio delle batterie può diventare un fattore positivo, ma non annullerà la necessità di centinaia di nuove miniere. Le città degli Stati Uniti potrebbero essere ridisegnate in modo da prevedere un maggior numero di trasporti pubblici e di spostamenti a piedi per ridurre la domanda di automobili. Ma questa idea è diventata un altro punto fermo nelle interminabili guerre culturali americane.

È evidente che occorre fare molto di più. L’industria mineraria è una parte vitale del mondo moderno, ma se non viene regolamentata è brutale per i lavoratori e tossica per l’ambiente. Le miniere devono essere sindacalizzate e controllate dai lavoratori. Ma ciò che le catene di approvvigionamento globali dimostrano è che ci troviamo di fronte a problemi planetari, dal cambiamento climatico alla crisi dei batteri resistenti agli antibiotici, fino ai pericoli dell’IA, per cui le soluzioni dovranno essere internazionali.

Questo richiede una pianificazione e una cooperazione globali e un crescente sganciamento della tecnologia dalle forze di mercato. Una soluzione di questo tipo non solo libererà la classe operaia mondiale, ma potrebbe anche salvare tutti gli esseri umani nel lungo periodo. Questa idea può sembrare utopistica, ma non è ancora stata proposta una soluzione migliore.

 

*Joseph Grosso è un bibliotecario e scrittore, a New York. È l’autore di Emerald City: How Capital Transformed New York (La Città di Smeraldo: come il Capitale ha trasformato New York) Zer0 Books.

L’articolo Joseph Grosso: “Miniere oscure: il ventre molle dei veicoli elettrici” proviene da .

Scritto da:

Rate it

Come e dove ascoltarci

A Roma e provincia:
DAB+ sul ch. 9C di DRG DAB
FM sui 92,900 MHz
Streaming

I nostri media partner


 

0%