News

Gli USA dietro all’arresto del giornalista Gonzalo Lira da parte di Kiev?

today6 Maggio 2023 4

Gli USA dietro all’arresto del giornalista Gonzalo Lira da parte di Kiev?
share close
Gli USA dietro all’arresto del giornalista Gonzalo Lira da parte di Kiev?

Andrew Korybko – 06/05/2023

Il governo americano ha probabilmente avuto un ruolo nell’arresto da parte di Kiev del giornalista statunitense Gonzalo Lira (substack.com)

 

Il governo degli Stati Uniti non nasconde nemmeno la sua complicità nella persecuzione del giornalista Gonzalo Lira dopo che una delle sue principali risorse di guerra dell’informazione in quel paese, il mercenario transgender Michael John Cirillo, ha ammesso di colludere con la polizia segreta su questo caso, ha detto ai media che intende testimoniare contro il suo compatriota, e ha persino intenzione di vantarsi di questo al Congresso quando lo visiterà alla fine di questo mese.

Il doppio cittadino americano-cileno Gonzalo Lira è stato recentemente arrestato dalla polizia segreta ucraina con l’accusa di “propaganda di guerra”, per la quale rischia 5-8 anni di carcere. Il silenzio del governo degli Stati Uniti (USG) su questo incidente contrasta completamente con la sua isteria sull’arresto del dipendente del Wall Street Journal (WSJ) Evan Gershkovich in Russia il mese scorso con l’accusa di spionaggio dopo essere stato colto in flagrante mentre sollecitava informazioni militari-industriali classificate da un legislatore regionale.

Questo è un tradimento dei principi americani poiché la libertà di parola è considerata un diritto sacro di tutti i suoi cittadini, non importa dove si trovino in un dato momento. Indipendentemente da ciò che si possa pensare delle opinioni di Lira e del particolare pezzo di legislazione ucraina che è stato citato come base per arrestarlo, l’USG dovrebbe sostenere i diritti dei suoi cittadini all’estero. Questo è particolarmente vero ogni volta che vengono arrestati per aver espresso un’opinione e / o praticato il giornalismo come lui.

Il suo silenzio di fronte a questo scandaloso incidente suggerisce un certo grado di complicità o, per lo meno, di tacita approvazione dell’arresto di Lira, poiché nient’altro spiega in modo convincente la vistosa mancanza di qualsiasi risposta. Questi sospetti sono ulteriormente rafforzati dal fatto che una delle principali risorse di guerra dell’informazione dell’USG in Ucraina, il mercenario transgender Michael John Cirillo, ha ammesso al Daily Beast di essere colluso con l’SBU sul suo caso contro Lira e ha persino intenzione di testimoniare contro di lui.

Nelle sue esatte parole, “Ho già dato la mia dichiarazione giurata alla SBU su Gonzalo Lira diversi mesi fa e mi aspetto di essere chiamato come testimone nel suo processo”. Cirillo ha anche aggiunto su Twitter che “quando sarò a Capitol Hill tra 10 giorni, senza dubbio l’arresto di Gonzalo Lira sarà un argomento primario di conversazione”. Invece di chiedere il suo rilascio, l’USG si affida a uno dei suoi migliori propagandisti in quel paese per perseguire la condanna di Lira, prima della quale il loro procuratore ha sfacciatamente intenzione di vantarsi di questo al Congresso.

Va anche notato che Cirillo lo ha detto a Julia Davis, che è bandita dalla Russia sulla base di aver lavorato contro i suoi interessi nazionali per volere di potenze ostili, che ovviamente si riferisce all’USG in questo contesto. Il suo articolo menziona anche che ha ottenuto un filmato esclusivo dell’arresto di Lira, che avrebbe potuto essere ottenuto solo dalla SBU, i cui dipendenti lo hanno condiviso con lei proprio perché sanno che è uno degli agenti più affidabili del loro patrono e lo userebbero quindi per umiliare Lira nel suo pezzo.

Questi fatti portano alla conclusione che l’USG è effettivamente complice nell’arresto da parte dell’Ucraina di questo doppio cittadino americano. Non sta nemmeno nascondendo la sua complicità nella persecuzione di Lira dopo che una delle sue principali risorse di guerra dell’informazione in quel paese ha ammesso di collusione con la polizia segreta su questo caso, ha detto ai media che ha intenzione di testimoniare contro di lui, e ha persino intenzione di vantarsi di questo al Congresso. L’USG è perversamente orgoglioso di questo poiché spera di spingere i critici della sua guerra per procura ad autocensurarsi.

Questo obiettivo include chiaramente anche i suoi cittadini come Lira, che l’USG odia con passione poiché i suoi coraggiosi reportage da Kharkov hanno screditato molte delle loro affermazioni su questo conflitto. Avrebbe potuto semplicemente chiedere a Kiev di espellerlo per ridurre il danno che ha inflitto alle loro operazioni di guerra dell’informazione, ma ha preferito farne un esempio perseguendo il suo processo. Il ruolo di Cirillo in questo incidente e i suoi piani per vantarsene al Congresso non lasciano dubbi sulla complicità dell’USG.

L’articolo Gli USA dietro all’arresto del giornalista Gonzalo Lira da parte di Kiev? proviene da .

Scritto da:

Rate it

Come e dove ascoltarci

A Roma e provincia:
DAB+ sul ch. 9C di DRG DAB
FM sui 92,900 MHz
Streaming

I nostri media partner


 

0%