Quali paesi sono esentati dal rispetto del tetto al prezzo sul petrolio russo?

Svetlana Ekimenko – 6/12/2022

Quali paesi non possono ufficialmente rispettare il tetto del prezzo del G7 sul petrolio russo? (sputniknews.com)

 

Un tetto al prezzo del petrolio russo di 60 dollari al barile, concordato dall’Unione europea, dalle nazioni del G7 e dall’Australia, è entrato in vigore il 5 dicembre. Lo stesso giorno è entrato in vigore anche l’embargo dell’UE sulle importazioni marittime di greggio russo. Mosca ha chiarito che non si piegherà alle richieste del Gruppo dei Sette.

Il 5 dicembre sono entrate in vigore nuove sanzioni dei paesi del Gruppo dei Sette (G7) e dell’Unione europea per punire la Russia per la sua speciale operazione militare in Ucraina.
Esse comprendono un limite di prezzo sul petrolio russo di 60 dollari al barile, imposto dalle economie industrializzate del G7 (Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Giappone), nonché dall’UE e dall’Australia. Il limite è destinato a essere rivisto ogni due mesi per rimanere al 5% al di sotto del benchmark dell’Agenzia internazionale dell’energia (IEA).
È entrato in vigore anche un embargo dell’UE sul petrolio russo trasportato via mare, previsto dal settimo pacchetto di sanzioni contro Mosca del 21 luglio.
In linea con il piano del G7, a compagnie di navigazione e assicurazioni è vietato fornire servizi alla Russia a meno che quest’ultima non accetti di vendere il suo greggio per 60 dollari al barile o meno.
Tuttavia, un certo numero di paesi è stato ufficialmente risparmiato dalla necessità di rispettare le restrizioni.

Druzhba Pipeline Carve-Out

Le nuove restrizioni punitive sul petrolio russo non si applicano alle forniture di greggio degli oleodotti. Quando i 27 Stati membri dell’UE hanno negoziato il sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca a giugno, i negoziati su una graduale eliminazione sia dei barili di greggio che dei prodotti petroliferi raffinati dal secondo più grande esportatore mondiale di petrolio entro la fine dell’anno si sono fatti estremamente tesi. L’Ungheria ha chiestoo che le forniture di petrolio che fluiscono attraverso gli oleodotti avessero l’esenzione totale. Mancando l’accesso al mare, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, che dipendono fortemente dal petrolio russo, hanno sollevato preoccupazioni all’epoca. Pertanto, il divieto a livello dell’UE ha messo nel mirino le importazioni di greggio trasportato via mare dalla Russia.
Di conseguenza, l’Ungheria, la Repubblica ceca e la Slovacchia continueranno a ricevere petrolio attraverso il Gasdotto Druzhba, gestito dal gigante russo controllato dallo stato Transneft.
Messa in piena attività nell’ottobre 1964, Druzhba – una delle più grandi reti di oleodotti del mondo – si estende per circa 5.500 km dal suo punto di partenza ad Almetyevsk nella Federazione Russa, dove riceve greggio dagli oleodotti in Siberia, negli Urali e nel Mar Caspio. La capacità attuale di Druzhba è compresa tra 1,2 milioni e 1,4 milioni di barili al giorno.
La Repubblica Ceca riceverà petrolio dalla Russia attraverso il ramo meridionale del gasdotto Druzhba per altri tre anni, ha detto il primo ministro Petr Fiala all’inizio di dicembre, aggiungendo:”Tuttavia, dal 2025, la fornitura di questa materia prima strategica sarà fornita attraverso il Transalpine Pipeline (TAL), la cui capacità sarà notevolmente ampliata”.

Una deroga temporanea speciale fino alla fine del 2024 è stata concessa alla Bulgaria “a causa della sua specifica esposizione geografica”, consentendole di continuare a importare petrolio greggio russo e prodotti petroliferi tramite trasporto marittimo.
Inoltre, l’Unione europea ha consentito all’Ungheria, alla Repubblica ceca, alla Slovacchia e alla Bulgaria di acquistare il greggio russo trasportato via mare senza applicare restrizioni in caso di interruzione improvvisa delle forniture attraverso la rete Druzhba.
I prodotti petroliferi, a differenza del petrolio, possono ancora essere consegnati in Europa (il divieto entrerà in vigore il 5 febbraio 2023). Pertanto, la Croazia continuerà a importare gasolio sottovuoto dalla Federazione russa e la Repubblica ceca continuerà a distillare benzina e diesel dalle materie prime russe.

Sakhalin-2 escluso

Il Giappone ha implementato un limite di prezzo sul petrolio greggio russo in tutti i giacimenti, ma ha scelto di escludere il progetto petrolifero Sakhalin-2 dall’elenco. La precondizione necessaria è che il luogo di origine della risorsa energetica sia confermato, ha detto il ministero degli Esteri giapponese.
“In termini di garanzia della sicurezza energetica del Giappone, il petrolio Sakhalin-2 non è soggetto a queste misure normative. Pertanto, operazioni come l’importazione, il commercio intermedio, il trasporto, lo sdoganamento, l’assicurazione saranno disponibili per l’olio Sakhalin-2 “, ha detto il ministero.
Gli importatori dovranno ottenere un documento che confermi che il petrolio importato è effettivamente prodotto nel progetto Sakhalin-2, poiché l’importazione di petrolio russo da qualsiasi altro giacimento, incluso dal progetto Sakhalin-1, a un prezzo superiore al limite sarà vietata.

Petrolio non russo

Come prima delle restrizioni, gli europei possono anche continuare a importare petrolio non russo diretto verso di loro, anche se viaggia attraverso la Russia o parte dai porti russi. Di conseguenza, il greggio azero, turkmeno e kazakospedito dai terminali russi di Ust-Luga e Novorossiysk non è interessato dalle sanzioni. Lo stesso sembra valere per le cosiddette “miscele” lettoni di Ventspils.
Il petrolio greggio esportato dal Kazakistan si muove principalmente attraverso il sistema del Caspian Pipeline Consortium (CPC), con il petrolio che raggiunge il porto russo di Novorossiysk sul Mar Nero. Le esportazioni di greggio dal Kazakistan utilizzano anche il sistema di gasdotti russo Transneft per raggiungere Novorossiysk e il porto russo del Mar Baltico di Ust-Luga.
Dall’Azerbaigian, le esportazioni di greggio avvengono principalmente attraverso il porto turco di Ceyhan tramite l’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC), ma parte del petrolio viene esportato attraverso la Russia, utilizzando l’oleodotto Baku-Novorossiysk. L’Azerbaigian ha pompato petrolio attraverso l’oleodotto di 1.330 km dal 1997.

India

L’India potrebbe continuare ad acquistare il carburante della Russia al valore di mercato, anche al di sopra del meccanismo di price cap imposto dal G7, a condizione che si tenga alla larga dai servizi assicurativi, finanziari e marittimi occidentali. Secondo il ministro del petrolio indiano Hardeep Singh Puri, il suo paese non è interessato da nuove sanzioni contro la Russia. Quando gli è stato chiesto di commentare l’effetto che il tetto al prezzo del petrolio russo avrebbe avuto sull’India, il funzionario ha dato la secca risposta: “Nessuno”.
L’India, il terzo consumatore mondiale di petrolio, ha acquistato il 22% delle sue importazioni totali dalla Russia in ottobre. L’India continuerà ad acquistare petrolio russo in quanto garantisce l’accesso energetico alla popolazione alle “condizioni più vantaggiose” ha affermato il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankarha,  durante una conferenza stampa congiunta con il suo omologo russo Sergei Lavrov a Mosca alla fine di novembre.

Per quanto riguarda la reazione della Russia all’introduzione di un limite di prezzo da parte dell’Occidente, ha sottolineato che il prezzo del greggio cambierà sulla sua scia.

“Una cosa è chiara e innegabile: l’adozione di queste decisioni è un passo verso la destabilizzazione globale dei mercati dell’energia”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov il 5 dicembre, quando gli è stato chiesto se gli europei e il mondo dovrebbero prepararsi a prezzi più alti.

Domenica, il vice primo ministro russo e nativo dell’Ucraina, Alexander Novak, ha detto che la Russia stava escogitando meccanismi per rendere inapplicabile il tetto del prezzo occidentale sul suo petrolio. La Russia ha denunciato quello che considera un tentativo di manipolare “i principi di base del libero mercato”, chiarendo che “venderà petrolio e prodotti petroliferi solo a quei paesi che lavoreranno con noi secondo le condizioni di mercato”.

L’articolo Quali paesi sono esentati dal rispetto del tetto al prezzo sul petrolio russo? proviene da .

Powered by WPeMatico