Il presidente eletto brasiliano, Lula, chiede il rilascio di Assange

RT – 30/11/2022

Il presidente eletto brasiliano chiede il rilascio di Assange – RT World News

 

Il presidente eletto brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha chiesto il rilascio del co-fondatore di Wikileaks Julian Assange dal carcere di massima sicurezza britannico di Belmarsh. Assange è detenuto dal 2019 ed è in attesa di estradizione negli Stati Uniti, dove rischia fino a 175 anni di carcere per la pubblicazione di materiali classificati.

Su Twitter martedì, Lula ha pubblicato una foto di se stesso mentre stringe la mano al caporedattore di WikiLeaks, Kristinn Hrafnsson, con l’ambasciatore di WikiLeaks, Joseph Farrell, in piedi nelle vicinanze. I massimi rappresentanti dell’organizzazione whistleblowing sono arrivati nel paese latinoamericano aspettandosi di tenere anche un incontro con i legislatori brasiliani.

Secondo il testo di accompagnamento, i due hanno informato il funzionario brasiliano della “situazione di salute di Julian Assange e della lotta per la libertà”. Lula da Silva, a sua volta, ha chiesto ai suoi ospiti di trasmettere la sua solidarietà al co-fondatore di WikiLeaks imprigionato. Ha anche espresso la speranza che “Assange sia rilasciato dalla sua ingiusta prigionia”.

Nel suo tweet, Hrafnsson ha detto di aver avuto un incontro privato con il presidente eletto brasiliano, che ha ringraziato per il suo “continuo sostegno” e descritto come un “vero uomo di passione, visione e simpatia”.

Diversi media hanno riferito che la delegazione di Wikileaks aveva in programma di incontrare Humberto Costa, il presidente della Commissione per i diritti umani del Senato brasiliano, così come i legislatori della camera bassa martedì. I rappresentanti di Wikileaks avrebbero discusso con i parlamentari una serie di misure che quest’ultimo potrebbe intraprendere, tra cui l’invio di una lettera all’ambasciata degli Stati Uniti a Brasilia sollecitando Washington a far cadere le accuse contro Assange.

Lula da Silva, che è stato eletto presidente alla fine di ottobre in una gara serrata contro il presidente in carica di destra Jair Bolsonaro, è stato a lungo un sostenitore di Assange.

Assange è nel carcere di massima sicurezza britannico di Belmarsh dall’aprile 2019, quando l’ambasciata ecuadoriana a Londra revocò il suo status di asilo.

Il giornalista, la cui salute è gravemente peggiorata durante la custodia del Regno Unito, attende l’estradizione negli Stati Uniti. Lì, affronta una condanna a 175 anni con l’accusa di aver divulgato documenti segreti che ha ricevuto da un analista dell’esercito americano che denunciava crimini di guerra statunitensi in Iraq e Afghanistan.

I sostenitori di Wikileaks insistono sul fatto che Assange stava semplicemente praticando il giornalismo pubblicando i documenti, che sono stati oscurati per rimuovere alcune informazioni sensibili. Gli attivisti sostengono che Washington si è vendicata contro l’outlet e il suo co-fondatore per aver esposto i propri crimini di guerra.

L’articolo Il presidente eletto brasiliano, Lula, chiede il rilascio di Assange proviene da .

Powered by WPeMatico