Il cardiologo Peter McCullough spiega perchè ci sono persone vaccinate che muoiono nel sonno

Jennifer Margulis (The Epoch Times) – 20 Ottobre 2022 (traduzione automatica)

Le persone muoiono nel sonno legate ai vaccini, spiega il dottor Peter McCullough, cardiologo (theepochtimes.com)

 

In una conferenza per professionisti medici a Sedona, in Arizona, lo scorso fine settimana, diversi oratori – tutti medici – hanno commentato una tendenza inquietante: un aumento di persone altrimenti sane che muoiono nel sonno.

Morti improvvise e inspiegabili per età inappropriate sembrano accadere più del solito, sia negli Stati Uniti, dove questi medici esercitano, sia in molti altri paesi del mondo industrializzato.

La morte in eccesso “è un fenomeno in tutto il mondo al momento”, ha detto il dottor John Campbell, un educatore infermiere che ha meticolosamente seguito e commentato i dati scientifici per il suocanale YouTube, che ha 2,47 milioni di abbonati.

I dati mostrano che “i decessi sono superiori del 16% rispetto a quanto ci aspetteremmo”, ha detto il dottor Campbell in un recentevideo, “e la stragrande maggioranza di questi non sono morti COVID”.

Le statistiche raccontano parte della storia. Le morti insolite che fanno notizia raccontano un’altra parte.

Ad esempio, l’attrice sudafricana Franci Swanepoel è stata trovata morta nel suo letto domenica mattina, 16 ottobre. Era nel bel mezzo delle riprese di un nuovo progetto. Swanepoel aveva 50 anni. La sua causa di morte non è ancora nota, secondole notizie.

All’inizio di questo mese, anche un giovane padre, Jack Grozier, è stato trovato morto nella sua casa di New Cumnock, in Scozia. Solo poche ore prima, aveva mandato un messaggio alla sua ragazza per dirle che le avrebbe parlato la mattina dopo. Grozier aveva 23 anni. Lascia un figlio di un anno, secondo l’Irish Mirror.

Anche la diciassettenne Gwen Casten, il cui padre è un legislatore nello stato dell’Illinois, è morta nel sonno.

Il 7 ottobre 2022, la famiglia di Casten ha rilasciato unadichiarazione su Instagramspiegando che la figlia, che non aveva problemi di salute o comportamentali noti, è morta per un’aritmia cardiaca di causa sconosciuta.

“Era appena tornata a casa da una serata con gli amici, era andata a letto e non si era svegliata”, si legge nella dichiarazione.

Il dottor Peter McCullough, un cardiologo certificato in medicina interna e malattie cardiovascolari, che ha presentato alla conferenza, ha affermato che quando le persone, specialmente i giovani, muoiono nel sonno, la causa sottostante è spesso la miocardite.

La miocardite, che è un’infiammazione del cuore, può portare a ritmi cardiaci irregolari che possono essere letali senza un trattamento immediato.

Il Dr. McCullough ha indicato una “revisione dello stato del cuore” fatta da un team internazionale di cardiologi pubblicata sulla rivista Biomedicine & Pharmacotherapy questo maggio. Secondoquesto studio, molti problemi cardiaci vengono segnalati dopo la vaccinazione, con la miocardite che è la più comune. “Mentre la miocardite è la più alta ramificazione cardiovascolare riportata, anche altre gravi complicazioni vengono sempre più segnalate”, hanno scritto gli scienziati.

Un’ondata di catecolamine

Anche se può sembrare controintuitivo, il Dr. McCullough ha detto che le morti improvvise che si verificano durante il sonno sono biochimicamente simili alle morti improvvise durante o subito dopo un vigoroso esercizio fisico.

La ragione per cui le persone muoiono apparentemente inspiegabilmente nel sonno, ha spiegato il dottor McCullough, è a volte a causa di un aumento delle catecolamine durante la fine del ciclo del sonno. Questo cambiamento biochimico naturale è il segnale del corpo per svegliarsi.

Le catecolamine sono ormoni prodotti dalle ghiandole surrenali. Vengono rilasciati nel corpo in risposta allo sforzo fisico o allo stress emotivo. Ma vengono rilasciati anche durante il sonno, poco prima del risveglio, come segnale al corpo e al cervello che è ora di alzarsi.

Queste catecolamine possono aumentare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la frequenza respiratoria, tra le altre cose.

Nel corpo ci sono tre catecolamine: dopamina, epinefrina e noradrenalina. Un’ondata di catecolamine, sia durante il sonno che durante l’esercizio fisico, può stressare il cuore e farlo battere aritmicamente, ha detto il dottor McCullough.

Morire prima dell’alba

Se il cuore di un giovane è stato danneggiato, da un’infezione, da una vaccinazione o per qualsiasi altro motivo, l’ondata di catecolamine può essere letale. Questa è la ragione, ha detto McCullough, per cui le persone sembrano morire nel sonno. Stanno davvero morendo poco prima dell’alba.

Dopo un’attenta revisione della letteratura scientifica peer-reviewed (a cui ha anche contribuito a diversi studi come lead o co-autore), il Dr. McCullough ha affermato che le morti improvvise e inaspettate che stiamo vedendo nei giovani sono molto probabilmente da miocardite indotta da vaccino non diagnosticata o asintomatica.

“Ora abbiamo appreso che circa la metà o più dei casi [di miocardite] sono inizialmente asintomatici. Ciò significa che i giovani non sanno di avere la miocardite”, ha spiegato McCullough. “Quindi, si sta formando una cicatrice nel cuore, ma non è mai stato detto loro di non sforzarsi e molti sono coinvolti nell’atletica e in tutti i diversi tipi di attività”.

Durante un’ondata di catecolamine – sia il risultato di un esercizio rigoroso o parte del normale processo di risveglio – questa miocardite indotta da vaccino non rilevata può essere fatale, ha detto il dottor McCullough.

Questi sono stati anche i risultati diun’analisi pubblicata sulla rivista Archives of Pathology & Laboratory Medicine all’inizio di quest’anno, guidata da un patologo, il dottor James Gill, della Yale School of Medicine di New Haven, nel Connecticut. Il team dello studio di tre medici ha eseguito l’autopsia di due ragazzi adolescenti che sono morti subito dopo aver ricevuto la seconda dose delvaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech.

Hanno scoperto che la miocardite post-vaccino aveva “caratteristiche simili a una lesione indotta da catecolamine, non una tipica patologia dellamiocardite“. Lo stesso studio citaaltre ricercheche hanno dimostrato che la miocardite è raramente la causa dei decessi dovuti a infezioni da COVID-19.

“Capire che questi casi sono diversi dalla tipica miocardite … può aiutare a guidare lo screening e la terapia “, hanno concluso i ricercatori.

Aumento dei decessi tra gli adulti in età lavorativa

I decessi in eccesso non spiegati dall’infezione da COVID-19 hanno iniziato a comparire nelle richieste di morte alle compagnie di assicurazione nel 2021.

Scott Davison, amministratore delegato di OneAmerica, una delle principali compagnie assicurative con sede a Indianapolis, ha dichiarato in unaconferenza stampa onlineil 30 dicembre 2021 che la sua azienda stava vedendo “i più alti tassi di mortalità che hanno visto nella storia del business”.

Davison ha affermato che i tassi di mortalità sono saliti del 40% e le vittime di COVID-19 non spiegano la maggior parte dell’aumento. Le persone morte avevano meno di 65 anni, il che era insolito, dal momento che le vittime di COVID erano fortemente inclinate verso quelli di 65 anni e più.

“Potrebbe non essere tutto COVID sul loro certificato di morte, ma i decessi sono aumentati in numeri enormi”, ha detto.

Secondo il Dr. McCullough, l’ipotesi scientificamente più responsabile da parte delle nostre agenzie di regolamentazione deve essere che il numero insolitamente elevato di decessi in eccesso che si verificano negli Stati Uniti e in altri paesi dal lancio dei vaccini COVID-19 sono causati dalle vaccinazioni stesse.

Un legame tra questi vaccini e le morti in eccesso dovrebbe essere l’ipotesi a meno che non venga chiaramente identificata una causa diversa e ci siano prove che il defunto non è stato vaccinato, ha detto il dottor McCullough.

“Questa è una posizione normativa sicura”, ha insistito.

“Quindi, quando sviluppiamo nuovi prodotti, quando c’è una morte che si verifica dopo l’uso di un nuovo prodotto, unaposizione sicuraè che è dovuta al nuovo prodotto, fino a prova contraria”.

La miocardite indotta dal vaccino può richiedere mesi per apparire

Mai problemi cardiaci causati dai vaccini COVID-19potrebbero non diventare evidenti per molte settimane o mesi dopo la vaccinazione.

Nel novembre del 2021, un team di scienziati del Dipartimento di Pediatria del Seattle Children’s Hospital, affiliato all’Università di Washington, ha pubblicato unostudio sul Journal of Pediatricsche ha mostrato un legame definitivo tra vaccini mRNA e problemi cardiaci negli adolescenti, ricerca che da allora è stata confermata da oltre una mezza dozzina di altri studi e case report.

Il team dell’Università di Washington ha scoperto che la miocardite e la pericardite sono emerse in pazienti di età compresa tra 12 e 17 anni che presentavano dolore toracico entro una settimana dopo la seconda dose dei vaccini mRNA.

Questi pazienti sono stati trovati ad avere livelli superiori al normale di troponina nelsangue. La troponina è un tipo di proteina presente nei muscoli cardiaci. Quando è presente nel flusso sanguigno può essere un marker di insufficienza cardiaca.

Lo stesso team di scienziati ha pubblicato unostudio di follow-upnel marzo del 2022, sempre sul Journal of Pediatrics. Il loro studio di follow-up ha esaminato un gruppo di giovani, di età compresa tra 12 e 17 anni, a cui era stata diagnosticata un’infiammazione cardiaca dopo la seconda dose dei vaccini mRNA Pfizer, hanno scoperto che quasi il 69% dei pazienti continuava ad avere risultati cardiaci anormali sulla risonanza magnetica cardiaca, anche otto mesi dopo la vaccinazione e in assenza di altri sintomi clinici.

Questa scoperta, hanno scritto gli scienziati nella loro discussione, “è un indicatore di danno cardiaco e fibrosi [cicatrici] ed è stata fortemente associata a una prognosi peggiore nei pazienti con miocardite acuta classica”.

Il Dr. McCullough trova questostudio del 25 marzo 2022, condotto dalla dottoressa Jenna Schauer dell’Università di Washington, profondamente inquietante.

“Ma quello che capiamo con la miocardite è che potrebbero essere necessari diversi mesi prima che la cicatrice si formi, e i documenti di Jenna Schauer lo dimostrano”, ha detto il dottor McCullough, aggiungendo che i bambini possono avere una “cicatrice sostanziale”.

Ha continuato: “Quindi, concluderei come cardiologo che il ritmo anormale potrebbe certamente entrare in vigore quattro mesi, sei mesi, otto mesi, dodici mesi dopo che la cicatrice si è formata nel cuore”.

La morte improvvisa di un giovane che è apparentemente sano e muore inaspettatamente nel sonno o durante l’esercizio fisico, anche fino a otto mesi dopo essere stato vaccinato, ha detto McCullough, potrebbe in realtà essere dovuta a miocardite non diagnosticata avvenuta a seguito dei vaccini COVID-19.

Genitori, per favore fatevi avanti

Il dottor McCullough ha esortato i genitori a essere aperti sul fatto che i loro figli abbiano preso il vaccino COVID-19. Il modo più semplice per dimostrare unamorte improvvisa e inaspettata, specialmente tra i giovani, non è correlato alle iniezioni, ha detto, “è che le famiglie si facciano avanti e dicano che non hanno preso il vaccino. Poi questo è stato escluso”.

Tuttavia, il dottor McCullough ha continuato: “Quando le famiglie sono tranquille e non viene detto nulla, se hanno o non hanno preso il vaccino, penso che sia lecito supporre che abbiano preso il vaccino”.

La dottoressa Angelina Farella, pediatra in uno studio privato a Webster, in Texas, che ha anche parlato alla conferenza di Sedona, ha spiegato che ha iniziato a trattare gli adulti affetti da COVID-19 quando i suoi colleghi medici si sono rifiutati di aiutarli.

La dottoressa Farella ha detto che è molto preoccupata per i problemi cardiaci nei giovani che lei e i suoi colleghi stanno vedendo clinicamente e leggendo nella letteratura scientifica.

“Come pediatra, raramente mandiamo un bambino da un cardiologo [che] non ha un difetto cardiaco congenito”, ha detto il dottor Farella. “Molto raramente li mandiamo da un cardiologo”.

In questi giorni, tuttavia, i problemi cardiaci tra i bambini e i giovani adulti che hanno assunto i vaccini COVID-19 sono abbastanza comuni che la dottoressa Farella ha detto che non firmerà più forme fisiche sportive di routine senza fare un esame completo del sangue sui suoi pazienti per verificare la presenza di segni di declino cardiaco.

Ciò include il test per la troponina nel sangue e i livelli di D-dimero (un semplice esame del sangue utilizzato per escludere la presenza di coaguli di sangue).

Sebbene alcune famiglie nella sua pratica siano sconvolte dal passo in più, la dottoressa Farella ha insistito sul fatto che il test extra è fondamentale permantenere i bambini al sicuro.

“Voglio solo rassicurare me stesso e quella famiglia che hanno la vita più sicura e migliore possibile davanti a loro”, ha detto il dottor Farella.

L’articolo Il cardiologo Peter McCullough spiega perchè ci sono persone vaccinate che muoiono nel sonno proviene da .

Powered by WPeMatico