Perchè Biden ha “rimproverato” il mendicante di armi Zelensky?

Andrew Korybko – 17/10/2022 (traduzione automatica)

Biden Might Have Had Ulterior Motives Behind Reportedly Chastising Zelensky For His Begging (substack.com)

Nel loro insieme, lo scandaloso rapporto del Washington Post su Biden che rimprovera Zelensky per la sua ingrata supplica e le ultime osservazioni del Segretario alla Difesa Austin che implicano con forza un esaurimento senza precedenti delle scorte militari della NATO mostrano che ci sono serie preoccupazioni tra i leader americani sulla sostenibilità della loro guerra per procura in corso contro la Russia.

Le mascelle occidentali sono cadute la scorsa settimana quando il Washington Post (WaPo), che non può ragionevolmente essere descritto come nemmeno lontanamente simile alla cosiddetta “propaganda russa”, ma è più simile a uno dei portavoce del partito democratico al potere, ha riferito che Biden ha rimproverato Zelensky per la sua ingrata elemosina. Quel giornale ha citato un anonimo ex funzionario della Casa Bianca che ha rivelato che “Biden ha capito come collega politico che Zelensky doveva difendere con forza il suo popolo, ma ha anche detto al leader ucraino in privato che sarebbe stato difficile per lui continuare a chiedere soldi al Congresso se Zelensky fosse apparso ingrato e continuasse a dire che non era abbastanza, secondo un ex funzionario della Casa Bianca”.

Questo di per sé era già abbastanza grave dal momento che equivale esattamente alla stessa cosa per cui Trump è stato messo sotto accusa, che presumibilmente ha trattenuto gli aiuti a uno stretto partner degli Stati Uniti per ragioni di politica interna egoistica. In questo caso, Biden avrebbe detto a Zelensky di fare marcia indietro dalla sua ingrata supplica, con l’implicazione che l’ottica potrebbe danneggiare le già difficili prospettive elettorali dei democratici in vista delle tese midterm di inizio novembre. Tutto potrebbe essere anche peggio di così, tuttavia, dal momento che il Segretario alla Difesa Austin ha fortemente implicato che le scorte militari degli Stati Uniti e dei loro alleati della NATO si stanno esaurendo così tanto che Kiev non può più essere rifornita allo stesso ritmo.

Lo ha accennato durante una conferenza stampa la scorsa settimana in cui ha negato che ci sia una “mancanza di volontà politica” su questo, ma ha invece suggerito che il problema si riduce alle capacità di produzione, strizzando così l’occhio alla direzione dei timori degli esperti che le scorte del Golden Billion siano state drasticamente esaurite nel corso della guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina. Bloomberg aveva già avvertito di questo già a metà primavera, ma i funzionari chiaramente non hanno prestato attenzione a nessuna di queste preoccupazioni e invece hanno continuato a dare a Kiev attrezzature per decine di miliardi di dollari. L’ironia è che mentre gli Stati Uniti volevano indebolire le capacità militari della Russia, alla fine hanno finito per indebolire la NATO.

Nel loro insieme, lo scandaloso rapporto del WaPo su Biden che rimprovera Zelensky per la sua ingrata supplica e le ultime osservazioni di Austin che implicano fortemente un esaurimento senza precedenti delle scorte militari della NATO mostrano che ci sono serie preoccupazioni tra i leader americani sulla sostenibilità della loro guerra per procura in corso contro la Russia. In poche parole, il loro avversario è riuscito a distruggere la maggior parte di ciò che è già stato inviato in Ucraina, il che significa che decine di miliardi di dollari di attrezzature sono state sprecate a spese dei contribuenti. I mecenati occidentali dell’ex Repubblica Sovietica in rovina non possono sostituire ciò che è già stato perso, tuttavia, da qui una probabile riduzione degli aiuti militari.

Ciò non significa automaticamente che la quantità sarà ridotta, ma almeno la qualità di ciò che viene spedito quasi certamente ne risentirà. La graduale erosione da parte della Russia delle capacità militari della NATO attraverso la distruzione delle attrezzature di quel blocco ostile in Ucraina sta creando una crisi per il complesso militare-industriale del Golden Billion. Da un lato, le società collegate si assicureranno sicuramente miliardi di dollari di contratti governativi in risposta e quindi trarranno lauti profitti nel tempo, ma dall’altro, quell’alleanza anti-russa sta perdendo il suo vantaggio in una certa misura, sia in termini di capacità militari dirette che indirette per il momento fino a quando le sue scorte drasticamente esaurite non saranno ricostituite.

L’intuizione precedente rappresenta l’osservazione più “politicamente scorretta” delle dinamiche strategiche del conflitto ucraino finora, poiché distrugge la cosiddetta “saggezza convenzionale” secondo cui la NATO può presumibilmente condurre la sua guerra per procura in corso contro la Russia attraverso l’Ucraina indefinitamente allo stesso ritmo di prima. Questo è tecnicamente impossibile da fare dal momento che le scorte limitate di quel blocco sono state immensamente esaurite nel corso degli ultimi otto mesi, che fortunatamente per loro coincide con l’imminente inverno e la conseguente riduzione delle operazioni offensive da entrambe le parti, o almeno questo è ciò che molti si aspettano. Ci vorrà del tempo per sostituire quelle munizioni perse, però, che potrebbero aumentare in modo intrigante le prospettive di pace.

Questo scenario, sebbene ammetto un po ‘inverosimile per il momento considerando il rifiuto finora di Kiev e dei suoi protettori di approvare persino la ripresa dei colloqui di pace fino a quando la loro fantasia politica di “balcanizzare” la Russia almeno fino ai suoi confini pre-2014 non sarà prima realizzata, non può ancora essere scartata dal momento che le dinamiche strategico-militari tendono effettivamente a favore della Russia. Tutto ciò che questa potenza mondiale appena restaurata deve fare è semplicemente continuare a sopravvivere in mezzo a un potenziale stallo per esaurire proverbialmente il tempo aspettando che i processi multipolari in rapida evoluzione trasformino radicalmente gli affari globali in un modo che condanna il declino dell’egemonia unipolare degli Stati Uniti una volta per tutte.

Con Biden che ha già riferito di aver fatto esattamente la stessa cosa che ha portato all’impeachment di Trump per ragioni che sono probabilmente altrettanto collegate al declino delle scorte militari del suo paese come lo sono ai calcoli politici interni egoistici, e Austin che estende il credito a questa osservazione di cui sopra durante la conferenza stampa della scorsa settimana, è davvero molto probabile che l’imminente riduzione del Golden Billion degli aiuti militari a Kiev (almeno in qualità se non in quantità) risultato nel potenziale stallo necessario alla Russia per vincere ancora strategicamente in questa guerra per procura. Se così fosse, allora la scritta è già sul muro e l’Occidente farebbe bene a costringere Kiev a chiedere la pace ora.

L’articolo Perchè Biden ha “rimproverato” il mendicante di armi Zelensky? proviene da .

Powered by WPeMatico