Washington Post riferisce che anche Biden si sta stancando del “mendicante ingrato” Zelensky

Andrew Korybko – 12/10/2022 (traduzione automatica e nostra successiva rielaborazione testo)

WaPo Reported That Even Biden’s Getting Fed Up With Zelensky’s Ungrateful Begging (substack.com)

Ora non è più “propaganda russa” descrivere Zelensky come un mendicante ingrato, ma lo standard implicito di “correttezza politica” dopo che lo stesso Biden avrebbe appena detto al leader ucraino di tagliarlo fuori e smettere di far arrabbiare i contribuenti americani prima delle midterm.

Criticare Zelensky come ingrato per il suo incessante accattonaggio nonostante la sua parte abbia già ricevuto letteralmente decine di miliardi di dollari di sostegno dai contribuenti statunitensi, era considerato dai mainstream (MSM) come la cosiddetta “propaganda russa”, fino a ieri. Il Washington Post (WaPo) – che non può essere descritto come “amico della Russia” o contro l’élite democratica al potere negli Stati Uniti – ha appena riferito che nientemeno  Biden stesso si sta stufando del leader ucraino [per le sue infinite richieste di armi].

Nel loro articolo su come “Biden si affanna per evitare crepe nella coalizione pro-Ucraina“, hanno scritto che:

All’inizio della guerra, Zelensky ha invitato ripetutamente e pubblicamente gli Stati Uniti e altri paesi occidentali a fare di più – inviare armi aggiuntive e imporre sanzioni più severe alla Russia – anche se Biden e il Congresso stavano già inviando quantità senza precedenti di aiuti e armi avanzate a Kiev.

Biden ha capito da collega politico che Zelensky doveva difendere con forza il suo popolo, ma ha anche detto al leader ucraino in privato che sarebbe stato difficile per lui continuare a chiedere soldi al Congresso se Zelensky fosse apparso ingrato e avesse continuato a dire che non era abbastanza, secondo un ex funzionario della Casa Bianca.

Questa è un’altra prova che dimostrerebbe l’esistenza di spaccature tra Stati Uniti e Ucraina.

Come ho spiegato nella mia ultima analisi su come “il piano di Zelensky per le truppe della NATO sotto la copertura delle forze di pace del G7 probabilmente non accadrà“, l’America ha respinto due volte la richiesta di Kiev di un coinvolgimento diretto della NATO nel conflitto […]. Ho aggiunto che la riluttanza di Washington a dar seguito alle richieste del suo delegato [Zelensky] dimostra che […] è anche preoccupata per l’impatto di un coinvolgimento più diretto prima delle [elezioni del] midterm.

Per quanto riguarda l’ingrato accattonaggio di Zelensky, l’amministrazione Biden ha finora continuato a rifornire l’Ucraina di armi perché il complesso militare-industriale degli Stati Uniti e quei membri dell’élite che investono in società collegate hanno tratto profitto da questa operazione di riciclaggio di denaro senza precedenti. Anche così, la sua squadra si è lasciata trasportare e ora molti americani sono infuriati al pensiero che un paese straniero dall’altra parte del mondo che è stato condannato da Transparency International come uno dei più corrotti al mondo stia ricevendo più soldi dei propri compatrioti impoveriti e di coloro che soffrono di disastri ambientali.

Finalmente consapevole delle conseguenze politiche interne di questo schema, Biden avrebbe detto a Zelensky che doveva smettere di essere così ingrato e invece iniziare a mostrare che apprezza tutto ciò che i contribuenti americani hanno dato alla sua parte finora. Il partito al governo è apparentemente preoccupato che gli elettori possano rivoltarsi contro di loro ancora più ferocemente di quanto ci si aspettasse in precedenza proprio a causa di quanto l’Ucraina stia ottenendo a spese dei cittadini americani. Tutto questo era prevedibile e messo attenzionato molto tempo fa da osservatori obiettivi, ma solo ora le loro parole sono state ascoltate.

La “narrativa ufficiale” nei confronti del conflitto ucraino, che in realtà è una guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia, si sta quindi evolvendo. Ora non è più “propaganda russa” descrivere Zelensky come un mendicante ingrato, ma lo standard implicito di “correttezza politica” dopo che lo stesso Biden avrebbe appena detto al leader ucraino di tagliarlo fuori e smettere di far arrabbiare i contribuenti americani. Questo dimostra solo che le fratture tra Gli Stati Uniti e l’Ucraina si stanno allargando al di là delle richieste di quest’ultima di un intervento diretto della NATO, che pochi devono ancora riconoscere pubblicamente.

L’articolo Washington Post riferisce che anche Biden si sta stancando del “mendicante ingrato” Zelensky proviene da .

Powered by WPeMatico