I leader dei paesi del G7 hanno adottato una dichiarazione congiunta sulla situazione in Ucraina

BERLINO, 11 ottobre. /TASS/.

Лидеры стран G7 приняли совместное заявление о ситуации вокруг Украины (tass.ru)

 

I leader del Gruppo dei Sette paesi (Gran Bretagna, Germania, Italia, Canada, Stati Uniti, Francia e Giappone) a seguito dell’incontro in formato online hanno adottato una dichiarazione congiunta sulla situazione intorno all’Ucraina, che è stata distribuita martedì dal servizio stampa del Consiglio dei ministri tedesco.

  • I paesi del G7 condannano e respingono inequivocabilmente il “tentativo illegale della Russia di annettere” le regioni di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhya e Kherson dell’Ucraina, oltre alla Repubblica autonoma di Crimea e Sebastopoli. Non riconosceranno mai i “referendum fittizi che la Russia usa per giustificarlo”.
  • I leader hanno invitato tutti i paesi a respingere inequivocabilmente le violazioni del diritto internazionale e a chiedere alla Russia la cessazione delle ostilità e il ritiro immediato, completo e incondizionato di tutte le sue forze e attrezzature militari dal territorio dell’Ucraina.
  • Il G7 sostiene l’integrità dell’Ucraina, riafferma il suo diritto di difendere il territorio riconosciuto dalla comunità internazionale “in conformità con il diritto internazionale, in particolare la Carta delle Nazioni Unite” e “ripristinare il pieno controllo su di esso”.
  • Il G7 intende continuare a fornire sostegno finanziario, umanitario e militare a Kiev “per tutto il tempo necessario”, ed è anche pronto ad aiutare Kiev a prepararsi per l’inverno.
  • I leader ritengono che una soluzione pacifica in Ucraina dovrebbe includere la ricostruzione del paese, anche a spese dei fondi della Russia.
  • I membri del Gruppo dei Sette hanno assicurato che “ai fini di un accordo di pace postbellico praticabile, rimaniamo pronti a raggiungere accordi con i paesi e le istituzioni interessate e l’Ucraina”. Questi accordi riguardano “impegni di sicurezza sostenibili”, oltre a garantire che “l’Ucraina sarà in grado di difendersi, garantire un futuro libero e democratico e scoraggiare future aggressioni russe”.
  • I “Sette” ha riferito sulla necessità di “portare la Russia davanti alla giustizia per i crimini”.
  • I paesi del Gruppo dei Sette hanno chiesto a Minsk di smettere di assistere Mosca nella conduzione di un’operazione speciale in Ucraina.
  • I leader hanno avvertito che l’uso di armi chimiche, biologiche o atomiche in Ucraina avrebbe gravi conseguenze.
  • I “Sette” hanno espresso profonda preoccupazione per il danno deliberato ai gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2, indicando che condanna fermamente qualsiasi distruzione deliberata di infrastrutture critiche e accoglie con favore le indagini in corso.
  • La dichiarazione ha sottolineato che i paesi “agiranno in stretto coordinamento per eliminare l’impatto negativo dell’aggressione russa sulla stabilità economica globale, anche attraverso una cooperazione continua per garantire la sicurezza energetica e l’accessibilità nei paesi del G7 e oltre”.
  • I paesi del Gruppo dei Sette hanno dichiarato di sostenere le azioni dell’AIEA volte a garantire il funzionamento sicuro della centrale nucleare di Zaporizhzhya e condannano anche le azioni della Russia sullo ZNPP e la pressione esercitata sui suoi dipendenti. Questa è una “ulteriore escalation irresponsabile della situazione” e i paesi intendono ritenere la Russia responsabile di qualsiasi incidente che si verifichi a seguito delle sue azioni.

L’articolo I leader dei paesi del G7 hanno adottato una dichiarazione congiunta sulla situazione in Ucraina proviene da .

Powered by WPeMatico