Proteina spike da vaccino Pfizer presente nelle lesioni encefalitiche

Sabino Paciolla – 10 Ottobre 2022

Primo studio che dimostra la presenza della proteina spike nelle lesioni encefalitiche e la attribuisce alla vaccinazione COVID Pfizer – Il blog di Sabino Paciolla

 

Sabino Paciolla ha pubblicato la traduzione di uno studio che dimostra per la prima volta la presenza della proteina spike nelle lesioni encefalitiche (Encefalite necrotizzante multifocale) e la attribuisce alla vaccinazione piuttosto che all’infezione. Questi risultati confermano il ruolo causale dei vaccini COVID-19 basati sui geni e questo approccio diagnostico è rilevante per i danni potenzialmente indotti dal vaccino anche ad altri organi.

Lo studio è pubblicato qui: case-report-michael-morz-1.10.2022.pdf (eventiavversinews.it)

Sommario

Il presente studio presenta il caso di un uomo di 76 anni affetto da malattia di Parkinson (PD) che è deceduto tre settimane dopo aver ricevuto la terza vaccinazione COVID-19. Il paziente era stato vaccinato per la prima volta nel maggio 2021 con il vaccino vettore ChAdOx1 nCov-19 (Astrazeneca, ndr), seguito da due dosi di vaccino BNT162b2 mRNA  (Pfizer, ndr) in luglio e dicembre 2021. La famiglia del deceduto ha richiesto un’autopsia a causa di segni clinici ambigui prima della morte. La malattia di Parkinson è stata confermata dagli esami post-mortem. Inoltre, erano evidenti segni di polmonite da aspirazione e arteriosclerosi sistemica. Tuttavia, le analisi istopatologiche del cervello hanno rivelato reperti precedentemente insospettati, tra cui una vasculite acuta (prevalentemente linfocitaria) e un’encefalite necrotizzante multifocale di eziologia sconosciuta con un’infiammazione pronunciata che comprendeva reazioni gliali e linfocitarie. Nel cuore erano presenti segni di cardiomiopatia cronica, nonché una lieve miocardite e vasculite linfo-istiocitaria acuta. Sebbene non vi fossero precedenti di COVID-19 per questo paziente, è stata eseguita l’immunoistochimica per gli antigeni del SARS-CoV-2 (proteine spike e nucleocapside). Sorprendentemente, solo la proteina spike e non la proteina nucleocapside sono state rilevate all’interno dei focolai di infiammazione sia nel cervello che nel cuore, in particolare nelle cellule endoteliali dei piccoli vasi sanguigni. Poiché non è stata rilevata alcuna proteina nucleocapside, la presenza della proteina spike deve essere attribuita alla vaccinazione piuttosto che all’infezione virale. I risultati confermano le precedenti segnalazioni di encefalite e miocardite causate da vaccini COVID-19 a base di geni.

Discussione

Questo è il caso di un paziente di 76 anni affetto da malattia di Parkinson (PD), deceduto tre settimane dopo la terza vaccinazione COVID-19. La causa del decesso sembra essere un attacco ricorrente di polmonite da aspirazione, in effetti comune nella malattia di Parkinson [14,15]. Tuttavia, lo studio autoptico dettagliato ha rivelato ulteriori patologie, in particolare encefalite necrotizzante e miocardite. Mentre i segni istopatologici della miocardite erano relativamente lievi, l’encefalite aveva provocato una significativa necrosi multifocale e potrebbe aver contribuito all’esito fatale. L’encefalite spesso provoca crisi epilettiche e il morso della lingua riscontrato all’autopsia suggerisce che in questo caso sia stato così. In precedenza sono stati registrati diversi altri casi di encefalite associata al vaccino COVID-19 con stato epilettico [16-18].

La storia clinica del caso attuale ha mostrato alcuni eventi degni di nota in correlazione con le vaccinazioni COVID-19. Già il giorno della prima vaccinazione, nel maggio 2021 (vaccino vettore ChAdOx1 nCov-19, cioè Astrazeneca), ha manifestato sintomi cardiovascolari che hanno richiesto cure mediche e dai quali si è ripreso solo lentamente. Dopo la seconda vaccinazione del luglio 2021 (vaccino con mRNA BNT162b2, cioè Pfizer), la famiglia ha notato notevoli cambiamenti comportamentali e psicologici e l’improvvisa insorgenza di una marcata progressione dei sintomi della malattia di Parkinson, che ha portato a una grave compromissione motoria e alla ricorrente necessità di un supporto su sedia a rotelle. Il paziente non si è mai ripreso del tutto, ma è stato comunque vaccinato nuovamente nel dicembre 2021. Due settimane dopo questa terza vaccinazione (seconda vaccinazione con BNT162b2, cioè Pfizer), ha avuto un improvviso collasso mentre stava cenando. È sorprendente che non abbia mostrato tosse o altri segni di aspirazione di cibo, ma sia semplicemente caduto dalla sedia. Ciò solleva la questione se questo improvviso collasso fosse davvero dovuto a una polmonite da aspirazione. Dopo un’intensa rianimazione, si è ripreso più o meno bene, ma una settimana dopo ha avuto un altro collasso improvviso e silenzioso durante il pasto. Dopo tentativi di rianimazione riusciti ma prolungati, è stato trasferito in ospedale e posto direttamente in coma artificiale, ma è morto poco dopo. La diagnosi clinica è stata di morte per polmonite da aspirazione. A causa dei suoi sintomi ambigui dopo le vaccinazioni COVID, la famiglia ha chiesto un’autopsia.

In base al modello di alterazione nel cervello e nel cuore, sembrava che i piccoli vasi sanguigni fossero particolarmente colpiti, in particolare l’endotelio. È noto che la disfunzione endoteliale è altamente coinvolta nella disfunzione degli organi durante le infezioni virali, in quanto induce uno stato pro-coagulante, perdite microvascolari e ischemia dell’organo [19,20]. Questo è anche il caso delle infezioni gravi da SARS-CoV-2, dove l’esposizione sistemica al virus e alla sua proteina spike suscita una forte reazione immunologica in cui le cellule endoteliali giocano un ruolo cruciale, portando a disfunzione vascolare, immunotrombosi e infiammazione [21].

Sebbene questo paziente non avesse una storia di COVID-19, è stata eseguita l’immunoistochimica per gli antigeni del SARS-CoV-2 (proteine spike e nucleocapside). La proteina spike è stata effettivamente dimostrata nelle aree di infiammazione acuta del cervello (in particolare all’interno dell’endotelio capillare) e nei piccoli vasi sanguigni del cuore. Tuttavia, il nucleocapside era uniformemente assente. Durante un’infezione con il virus, entrambe le proteine dovrebbero essere espresse e rilevate insieme. D’altra parte, i vaccini COVID-19 basati sul gene codificano solo la proteina spike e quindi la presenza della sola proteina spike (ma non della proteina nucleocapside) nel cuore e nel cervello del caso attuale può essere attribuita alla vaccinazione piuttosto che all’infezione. Questo concorda con l’anamnesi del paziente, che comprende tre iniezioni di vaccino, la terza solo 3 settimane prima del decesso, ma nessuna diagnosi clinica o di laboratorio positiva dell’infezione.

La discriminazione della risposta alla vaccinazione dall’infezione naturale è una questione importante ed è stata affrontata già in immunologia clinica, dove l’applicazione combinata di sierologia anti-spike e anti-proteina nucleocapside si è dimostrata uno strumento utile [22]. In istologia, tuttavia, questo approccio immunoistochimico non è ancora stato descritto, ma è semplice e sembra essere molto utile per identificare la potenziale origine della proteina spike del SARS-CoV-2 in campioni autoptici o bioptici. Quando è necessaria un’ulteriore conferma, ad esempio in un contesto forense, si possono usare metodi di rt-PCR per accertare la presenza dell’mRNA del vaccino nei tessuti colpiti [23,24].

Supponendo che, nel caso in esame, la presenza della proteina spike sia stata effettivamente determinata dal vaccino basato sul gene, ci si chiede se questa sia stata anche la causa delle alterazioni tissutali acute e dell’infiammazione che l’hanno accompagnata. Lo scopo dichiarato dei vaccini a base di geni è quello di indurre una risposta immunitaria contro la proteina spike. Tale risposta immunitaria, tuttavia, non solo determina la formazione di anticorpi contro la proteina spike, ma porta anche a una citotossicità diretta mediata da cellule e anticorpi contro le cellule che esprimono questo antigene estraneo. Inoltre, vi sono indicazioni che la proteina spike da sola può provocare una tossicità distinta, in particolare sui periciti e sulle cellule endoteliali dei vasi sanguigni [25,26].

Sebbene sia opinione diffusa che l’espressione della proteina spike e il conseguente danno cellulare e tissutale siano limitati al sito di iniezione, diversi studi hanno trovato l’mRNA del vaccino e/o la proteina spike da esso codificata a notevole distanza dal sito di iniezione fino a tre mesi dopo l’iniezione [23,24,27-29]. Studi di biodistribuzione nei ratti con il vaccino mRNA-COVID-19 BNT162b2 (Pfizer, ndr) hanno anche dimostrato che il vaccino non rimane nel sito di iniezione ma si distribuisce in tutti i tessuti e gli organi, compreso il cervello [30]. Dopo l’introduzione a livello mondiale delle vaccinazioni COVID-19 nell’uomo, la proteina spike è stata rilevata anche nell’uomo in diversi tessuti distanti dal sito di iniezione (muscolo deltoide): ad esempio nelle biopsie del muscolo cardiaco di pazienti affetti da miocardite [28], nel muscolo scheletrico di un paziente con miosite [23] e nella pelle, dove è stata associata a un’improvvisa insorgenza di lesioni da Herpes zoster dopo la vaccinazione mRNA-COVID-19 [29].

La diagnosi di base in questo paziente era la malattia di Parkinson e ci si può chiedere quale ruolo abbia avuto questa patologia nella causazione dell’encefalite e della miocardite rilevata all’esame post-mortem. Nel caso in esame la malattia di Parkinson era di lunga data, mentre l’encefalite era acuta. Al contrario, non esiste un meccanismo plausibile né un caso di PD che abbia causato un’encefalite necrotizzante secondaria. D’altra parte, sono stati riportati numerosi casi di encefalite ed encefalomielite autoimmune dopo la vaccinazione COVID-19 [12,31]. Sono state segnalate anche malattie autoimmuni in organi diversi dal sistema nervoso centrale, come ad esempio il caso eclatante di un paziente che, dopo la vaccinazione con mRNA, ha sofferto di molteplici disturbi autoimmuni tutti insieme: encefalomielite acuta disseminata, miastenia grave e tiroidite [32]. Nel caso qui riportato, si può notare che la proteina spike è stata rilevata principalmente nell’endotelio vascolare e scarsamente nelle cellule gliali, ma non nei neuroni. Tuttavia, la morte delle cellule neuronali era diffusa nei focolai encefalitici, il che suggerisce un certo contributo dell’attivazione immunologica degli astanti, cioè dell’autoimmunità, al danno cellulare e tissutale osservato.

Un ruolo contributivo della malattia di Parkinson nello sviluppo della cardiomiopatia è effettivamente documentato e non può essere escluso con assoluta certezza. Tuttavia, le alterazioni infiammatorie del miocardio con alterazioni patologiche dei piccoli vasi sanguigni, come quelle osservate nel caso attuale, sono poco comuni. Invece, la causa più importante di insufficienza cardiaca nei pazienti affetti da malattia di Parkinson è piuttosto dovuta alla disfunzione dell’autonomia cardiaca [33,34]. La PD sembra essere significativamente associata a un aumento dell’ipertrofia ventricolare sinistra e della disfunzione diastolica [34]. Nel caso attuale, la dilatazione e l’ipertrofia ventricolare erano presenti, ma sembrano piuttosto legate a segni manifesti di ipertensione cronica. Al contrario, reazioni infiammatorie miocardiche sono state ben collegate alle vaccinazioni COVID-19 a base di geni in numerosi casi [9,35-37]. In un caso, la proteina spike del SARS-CoV-2 è stata dimostrata con l’immunoistochimica nel cuore di individui vaccinati [28].

Conclusioni

Numerosi casi di encefalite ed encefalomielite sono stati segnalati in relazione ai vaccini COVID-19 a base di geni, e molti sono stati considerati causalmente correlati alla vaccinazione [31,38,39]. Tuttavia, questo è il primo studio che dimostra la presenza della proteina spike nelle lesioni encefalitiche e la attribuisce alla vaccinazione piuttosto che all’infezione. Questi risultati confermano il ruolo causale dei vaccini COVID-19 basati sui geni e questo approccio diagnostico è rilevante per i danni potenzialmente indotti dal vaccino anche ad altri organi.

L’articolo Proteina spike da vaccino Pfizer presente nelle lesioni encefalitiche proviene da .

Powered by WPeMatico