Nel suo discorso Putin ha riassunto in modo conciso la strategia in Ucraina

Andrew Korybko – 21/09/2022 (traduzione automatica)

Putin’s Latest Keynote Speech Concisely Summarized The State Of Strategic Play In Ukraine (substack.com)


 

Dopo aver riflettuto sulle sue parole, non c’è dubbio che lo stato del gioco strategico in Ucraina rimane a favore della Russia, motivo per cui lo stato del gioco strategico in tutto il mondo rimane anche a favore dell’emergente ordine multipolare.

Il presidente Putin si è rivolto ai suoi compatrioti mercoledì mattina in un discorso televisivo nazionale che è culminato con l’informazione della sua decisione di mobilitare parzialmente le riserve esperte del loro paese. Ha anche promesso di rispettare la volontà democratica delle persone che abitano le aree liberate delle ex regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye se voteranno nei loro prossimi referendum questo fine settimana per unificarsi con la Russia. È stato un discorso programmatico e indiscutibilmente il più importante da quando ha annunciato l’inizio dell’operazione speciale del suo paese il 24 febbraio.

In effetti, il primo quinto del suo ultimo discorso ha rielaborato i punti salienti di quello di cui sopra ricordando ai suoi compagni russi perché ha preso la fatidica decisione che ha fatto. Dopo aver rinfrescato i loro ricordi, li ha poi aggiornati sullo stato del gioco strategico in Ucraina. Il lento ma costante progresso della loro potenza mondiale appena restaurata negli ultimi sette mesi è stato spiegato dalla necessità di erodere attentamente la “linea profondamente scaglionata di difese fortificate” di Kiev e quindi evitare pesanti perdite. Il presidente Putin ha anche menzionato come questo abbia ridotto al minimo le vittime civili a causa della politica di Kiev di prendere scudi umani.

Un altro punto che ha sollevato è che una soluzione pacifica è stata quasi trovata all’inizio dell’operazione speciale nel corso dei colloqui di Istanbul, ma l’Occidente ha affondato questo risultato ordinando a Kiev di distruggere tutti gli accordi “dopo che alcuni compromessi sono stati coordinati”. L’ultima parte potrebbe essere interpretata come un vago riferimento al precedente ritiro delle forze armate russe dalla capitale ucraina che Mosca ha insistito sul fatto che fosse un gesto di buona volontà volto a facilitare il processo di pace e che con il senno di poi serviva anche allo scopo di una finta militare.

Il conflitto continuò dopo quel punto semplicemente perché la NATO inviava armi, combattenti e intelligence. Ciò ha coinciso con la repressione dei dissidenti da parte di Kiev molto più spietatamente di quanto non abbia mai fatto prima, che finora ha raggiunto il culmine nelle atrocità che vengono attualmente perpetrate contro i civili nella regione di Kharkov a seguito della recente battuta d’arresto della Russia lì. In effetti, è quella violenza in corso che il presidente Putin ha detto che ha spinto le persone delle regioni ucraine liberate che storicamente facevano parte della Novorossiya a organizzare i referendum di questo fine settimana sull’adesione alla Russia per cercare protezione.

Con la linea di contatto che ora si estende per oltre 1.000 chilometri e contrappone la Russia contro “l’intera macchina militare dell’Occidente collettivo”, come l’ha giustamente descritta il presidente Putin, è stata presa la decisione di iniziare la mobilitazione parziale delle riserve esperte del suo paese. Ha spiegato il loro compenso e i loro diritti al fine di rassicurare i suoi compatrioti che saranno trattati con il massimo rispetto per aver difeso il loro paese dalla minaccia esistenziale posta dalla guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’Ucraina.

A questo proposito, il presidente Putin ha anche aumentato la massima consapevolezza di come l’Occidente stia incoraggiando Kiev ad attaccare direttamente il proprio paese, anche attraverso la follia di attacchi terroristici che ha effettuato nelle aree di confine. Ha anche informato i suoi compatrioti che l’Occidente sta attivamente sorvegliando le regioni meridionali della Russia in tempo reale attraverso i sistemi più moderni in preparazione di attaccarle esattamente come Washington, Londra e Bruxelles hanno apertamente parlato del loro proxy ucraino. In effetti, alcuni importanti paesi della NATO stanno persino discutendo della possibilità di bombardare la Russia, che ha descritto come “ricatto nucleare”.

Non avrà mai successo, ha detto il presidente Putin, dal momento che ha ricordato a tutti le armi all’avanguardia del suo paese e ha detto esplicitamente che impiegherà tutti i mezzi a sua disposizione per difendere il popolo russo e la sua integrità territoriale. Considerando il contesto dei prossimi referendum che si terranno nelle aree liberate di quelle quattro ex regioni ucraine al momento dell’adesione alla Russia, si può capire che stava implicando che saranno anche coperte sotto l’ombrello nucleare di Mosca nel probabile caso in cui il loro popolo voterà per unificarsi con la loro patria storica.

Il presidente Putin ha poi concluso facendo riferimento al suo manifesto rivoluzionario globale di luglio sul ruolo della Russia nella transizione sistemica al multipolarismo dichiarando che “È nostra tradizione storica e il destino della nostra nazione fermare coloro che sono appassionati di dominio globale e minacciano di dividere e schiavizzare la nostra patria. Siate certi che lo faremo anche questa volta”. Dopo aver riflettuto sulle sue parole, non c’è dubbio che lo stato del gioco strategico in Ucraina rimane a favore della Russia e dell’emergente ordine multipolare.

L’articolo Nel suo discorso Putin ha riassunto in modo conciso la strategia in Ucraina proviene da .

Powered by WPeMatico