L’operazione militare speciale potrebbe trasformarsi nella difesa dei confini della Russia

Andrew Korybko – 21/09/2022 (traduzione automatica)

Russia’s Special Military Operation Might Soon Transform Into A Defense Of Its Own Borders (substack.com)


Una battuta d’arresto come quella recente nella regione di Kharkov non potrebbe mai accadere in quello scenario poiché sarebbe considerata dal Cremlino come un attacco convenzionale schiacciante nel profondo del territorio della stessa Federazione Russa che minaccia così la sua integrità territoriale e quindi l’esistenza stessa di questa potenza mondiale appena restaurata come stato sovrano.

Dopo la battuta d’arresto della Russia nella regione di Kharkov, si è parlato del fatto che Mosca potrebbe cambiare la natura della sua operazione militare speciale in Ucraina in qualcosa di più robusto, che potrebbe accadere già la prossima settimana. Dopo il completamento dei referendum pianificati nelle aree liberate delle ex regioni di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye di quell’ex Repubblica Sovietica con l’adesione alla Federazione Russa, potrebbero finire per essere considerate dal Cremlino come il proprio territorio sovrano. In tal caso, l’operazione speciale si trasformerebbe in una difesa dei propri confini.

Ciò cambierebbe qualitativamente il modo in cui viene combattuta la campagna delle forze armate russe poiché le sue truppe non avrebbero più una mano legata dietro la schiena per ragioni ibride umanitarie-politiche come è stato finora il caso quando hanno condotto la loro operazione speciale in Ucraina. Come lo stesso presidente Putin ha annunciato mercoledì durante il suo discorso televisivo al popolo russo, tutti i mezzi saranno impiegati per difendere l’integrità territoriale del loro paese. Ciò suggerisce che non imporrà più alle sue forze di esercitare autocontrollo poiché la continua esistenza della Russia sarebbe la loro unica priorità.

Il conflitto ucraino si evolverebbe quindi in un conflitto veramente internazionale, e non solo tra Russia e Ucraina, ma tra la Russia e gli alleati nato di Kiev. A dire il vero, è già arrivato a quella fase molto prima dell’operazione speciale, ma ciò che si intende con questa osservazione è che le regole di ingaggio sarebbero completamente cambiate. Ciò non implica che la Russia utilizzerebbe il suo diritto all’autodifesa sancito dalle Nazioni Unite per colpire obiettivi negli stati della NATO e quindi rischiare di scatenare la terza guerra mondiale, ma solo che probabilmente farà di tutto per schiacciare i delegati ucraini del blocco.

Nel peggiore dei casi, questo potrebbe anche includere l’uso di armi nucleari tattiche in conformità con la sua dottrina per difendersi da “un attacco convenzionale che minaccia l’esistenza” della Russia come stato sovrano come ultima risorsa assoluta se la NATO spinge Kiev a lanciare un attacco convenzionale schiacciante contro i nuovi confini internazionali di quel paese nel caso in cui persone di quelle quattro ex regioni ucraine scelgano di unirsi alla Russia. Per non essere fraintesa o avere la frase precedente maliziosamente filata dalle forze infowar, Mosca non vorrebbe farlo a meno che non sia letteralmente costretta a farlo, ma tutte le opzioni rimangono sul tavolo.

Dopotutto, l’improvvisa trasformazione dell’operazione speciale in una difesa dei propri confini trasformerebbe anche le regole di ingaggio. Una battuta d’arresto come quella recente nella regione di Kharkov non potrebbe mai accadere poiché sarebbe considerata dal Cremlino come un attacco convenzionale schiacciante nel profondo del territorio della stessa Federazione Russa che minaccia così la sua integrità territoriale e quindi l’esistenza stessa di questa potenza mondiale appena restaurata come stato sovrano. Comprensibilmente, le armi nucleari tattiche potrebbero essere utilizzate per autodifesa come ultima risorsa in questo scenario.

Tuttavia, non potrebbero essere utilizzati se l’operazione speciale dovesse rimanere in vigore. L’intera ragione per cui potrebbe essere in procinto di trasformarsi in una difesa dei confini della Russia è una reazione diretta alla serie di mosse degli Stati Uniti attraverso il loro proxy ucraino. Se Washington non avesse schierato la NATO per rifornire le forze di Kiev e aiutarla a pianificare il respingimento di questo mese nella regione di Kharkov, allora le restanti aree liberate dell’ex Repubblica sovietica probabilmente non avrebbero dato la priorità a tenere referendum per unirsi alla Russia il prima possibile al fine di proteggere il loro popolo dalla punizione di quel regime fascista.

Considerando questa sequenza di eventi, si può quindi concludere che la responsabilità di allentare il conflitto ucraino spetta agli Stati Uniti e non alla Russia poiché la prima controlla le dinamiche che hanno portato la seconda a reagire a tutto nel modo più ragionevole e prevedibile. Non è realistico aspettarsi che la Russia ignori la volontà democratica del popolo in quelle quattro ex politiche ucraine, il che a sua volta rende irrealistico aspettarsi che la Russia non difenda le sue nuove frontiere al momento della loro incorporazione nel paese come repubbliche autonome secondo il precedente della Crimea.

Gli Stati Uniti possono di fatto riconoscere questa realtà geopolitica in rapida ascesa proprio come hanno fatto ufficiosamente quando si è trattato della riunificazione democratica della Crimea con la Russia o possono optare per ripetere lo scenario del Donbass di spingere Kiev a reclamare militarmente i suoi ex territori, anche se questa volta provocando un grande conflitto internazionale poiché l’obiettivo sarebbe considerato dal Cremlino come territorio russo. Il presidente Putin ha già promesso che saranno impiegati tutti i mezzi per difendere l’integrità territoriale del suo paese, quindi lo scenario del Donbass può quindi essere giustamente descritto come lo scenario apocalittico per Kiev.

L’articolo L’operazione militare speciale potrebbe trasformarsi nella difesa dei confini della Russia proviene da .

Powered by WPeMatico