I prossimi referendum sul Donbass potrebbero essere la risposta difensiva della Russia a Kharkov?

Andrew Korybko – 20/09/2022 (traduzione automatica)

Could Forthcoming Donbass Referenda Be Russia’s Defensive-Oriented Response To Kharkov? (substack.com)

Ci sono argomenti a favore e contro ciascuno dei principali partecipanti al conflitto che accettano lo scenario dei referendum del Donbass che terminano la fase militare del conflitto prima del prossimo inverno.

Le camere civiche delle due repubbliche del Donbass hanno annunciato lunedì che vorrebbero tenere referendum sull’adesione alla Russia il prima possibile. Margarita Simonyan, che esercita una massiccia influenza sulla formazione dell’opinione pubblica nel suo paese e tra le persone favorevoli ai russi all’estero attraverso i suoi noti ruoli mediatici, ha reagito a questo scenario prevedendo quanto segue su Telegram: “Oggi è un referendum, domani – è il riconoscimento di LPR come parte della Russia. Il giorno dopo, gli attacchi sul territorio russo diventano una guerra a tutto campo dell’Ucraina e della NATO con la Russia, che scioglierà le mani di Mosca in tanti aspetti.

Il contesto più ampio all’interno del quale sono stati fatti questi annunci è l’inaspettata battuta d’arresto della Russia nella regione di Kharkov, che è stata seguita da Kiev che ha costruito su quello slancio per prendere il controllo di un villaggio a Lugansk e quindi invertire simbolicamente la piena liberazione di quella Repubblica che è stata raggiunta durante l’estate. Il presidente turco Erdogan ha anche appena detto alla CBS che il presidente Putin lo avrebbe informato durante il loro incontro a margine del vertice SCO della scorsa settimana a Samarcanda “che è disposto a porre fine a questo il prima possibile. Il modo in cui le cose stanno andando in questo momento è piuttosto problematico. Penso che un passo significativo sarà fatto avanti”.

È quindi possibile che lo scenario dell’adesione democraticamente guidata di queste due Repubbliche del Donbass alla Federazione Russa, che potrebbe anche coincidere con le regioni di Kherson e / o Zaporozhye, possa essere la risposta asimmetrica che gli osservatori si stanno preparando ad aspettarsi dal presidente Putin dopo l’inaspettata battuta d’arresto della sua parte nella regione di Kharkov. Per spiegare, Mosca considererebbe quindi gli attacchi contro di loro come attacchi contro se stessa esattamente come Simonyan aveva previsto, il che stabilirebbe così linee rosse molto chiare che potrebbero porre prontamente fine alla fase militare del conflitto ucrainoKiev, sostenuta dalla NATO, cesserebbe volontariamente le ostilità o sarebbe costretta da Mosca a farlo finalmente.

Questa sequenza di eventi non è garantita per svolgersi, ma non può comunque essere scontata, specialmente dopo che Simonyan ha condiviso i suoi pensieri su ciò che potrebbe accadere. Potrebbe quindi benissimo essere il caso che lei e le Camere Civiche delle Repubbliche del Donbass stiano testando le reazioni nazionali ed estere a questo scenario prima che il Cremlino prenda una decisione in merito nel prossimo futuro. Dopotutto, le ultime dinamiche del conflitto ucraino sembrano aver raggiunto il punto in cui il tempo lavora a favore e contro il favore di ciascuna parte.

Lo slancio tattico di Kiev continua a crescere con il tempo, ma la perpetuazione del conflitto va contro gli interessi strategici dei suoi protettori europei della NATO, aumentando i rischi di profonde conseguenze socio-politiche legate alla crisi economica senza precedenti catalizzata dalle sanzioni anti-russe. Allo stesso modo, la prospettiva è l’inverso per Mosca: la perpetuazione del conflitto fa avanzare i suoi interessi strategici legati all’unità dell’UE sull’Ucraina e all’unità occidentale più in generale, ma a scapito dei suoi interessi tattici poiché sta lottando per fermare lo slancio di Kiev sul terreno sostenuto dalla NATO.

Di conseguenza, una rapida fine della fase militare del conflitto eviterebbe gli scenari strategici peggiori dal punto di vista di Kiev e dei suoi protettori occidentali, ma a scapito dei loro interessi politico-territoriali di riconquistare il controllo di Donbass, Kherson e Zaporozhye. Visto da Mosca, questo potrebbe evitare lo scenario tattico peggiore di perdere il controllo su quelle regioni liberate e le principali conseguenze del soft power ad esso connesse, ma a scapito dei suoi interessi strategici precedentemente descritti. Pertanto, ci sono argomenti a favore e contro ciascuno dei principali partecipanti al conflitto che accettano lo scenario dei referendum del Donbass che terminano la fase militare del conflitto prima del prossimo inverno.

Il fatto stesso che questo sia anche credibilmente suggerito come basato su un’interpretazione ragionevole della reazione di Simonyan agli annunci delle Camere Civiche del Donbass suggerisce che il presidente Putin sta seriamente flirtando con una risposta orientata alla difesa alla recente battuta d’arresto della sua parte nella regione di Kharkov invece di dare la priorità esclusivamente a una offensiva come molti osservatori si aspettavano. Ancora una volta, questo non vuol dire che opterà sicuramente per lo scenario descritto nella presente analisi, ma che non può essere escluso con sicurezza dopo ciò che il presidente Erdogan ha appena detto sul presunto desiderio della sua controparte russa “di porre fine a questo il prima possibile”.

L’articolo I prossimi referendum sul Donbass potrebbero essere la risposta difensiva della Russia a Kharkov? proviene da .

Powered by WPeMatico