La Russia si chiede se l’assassinio del capo di Al Qaeda aiuterà l’ISIS in Afghanistan‎

(traduzione automatica, ci scusiamo per gli errori presenti nel testo)

L’assassinio da parte degli Stati Uniti del capo di Al Qaeda in Afghanistan, che può ‎‎essere sostenuto in modo convincente‎‎ è stato almeno “passivamente facilitato” dal Pakistan che ha permesso all’America di utilizzare il suo spazio aereo, avrebbe dovuto essere un punto di svolta positivo nella Guerra al Terrore dal modo in cui Washington lo ha presentato al pubblico globale. L’ambasciatore russo in Afghanistan Dmitry Zhirnov, tuttavia, si chiede se potrebbe effettivamente finire per essere un punto di svolta nel peggiore dei modi. ‎‎Sputnik‎‎ ha riferito di aver detto quanto segue su quell’incidente:‎

‎”Il problema (del terrorismo) è troppo complesso per essere risolto, ad esempio, con azioni come l’eliminazione del leader di Al-Qaeda usando un drone americano. Tale operazione è stata recentemente annunciata da [il presidente degli Stati Uniti Joe] Biden. Se questo [l’eliminazione di al-Zawahiri] fosse il caso, allora nelle condizioni in cui l’Afghanistan è stato posto dalla guerra di 20 anni con gli Stati Uniti, i radicali di al-Qaeda molto probabilmente si uniranno all’ISIS … Non sto nemmeno menzionando il fatto che la violazione aggressiva dello spazio aereo afghano da parte degli americani non aumenterà la fiducia dei talebani negli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo”.‎

‎È troppo presto per dire quale sarà l’esito finale di quello sciopero, ma l’ambasciatore Zhirnov ha comunque condiviso un punto molto potente. Prima di tutto, le reti terroristiche sono oggi in gran parte decentralizzate e quindi in grado di adattarsi in modo flessibile all’uccisione di membri di spicco, incluso il loro capo in carica. In secondo luogo, coloro che si uniscono a tali gruppi probabilmente non cambieranno idea solo perché qualcuno o un altro è stato appena eliminato dal loro nemico. Semmai, questo potrebbe molto probabilmente incoraggiarli a raddoppiare i loro sforzi terroristici, specialmente se iniziano a complottare per vendicarsi dopo quello che è appena successo.‎

‎Questo porta direttamente al terzo punto relativo alla possibilità che si uniscano ad altri gruppi nel caso in cui il loro non sia più così “competitivo” all’indomani di un recente assassinio come quello che gli Stati Uniti hanno appena compiuto contro Al Qaeda. L’ISIS è l’organizzazione terroristica più famigerata del mondo, quindi ne consegue che può facilmente reclutare nuovi seguaci, compresi quelli che hanno già esperienza di combattimento per Al Qaeda. In quarto luogo, la sicurezza regionale dipende in gran parte dal fatto che i talebani taglino i loro legami con i gruppi terroristici, ma i leader de faco dell’Afghanistan potrebbero tacitamente trattenere alcuni di loro per fare dispetto agli Stati Uniti.‎

‎Dopotutto, lo spazio aereo che rivendicano come proprio è stato violato unilateralmente in un attacco sfacciato che l’America implicava fosse la prova del fatto che si scontravano con il peggior nemico di quel paese che era presumibilmente responsabile del complotto dell’11/9. Non è chiaro se ci sia qualche verità in questa insinuazione, ma ciò fa comunque sembrare i talebani estremamente cattivi nella corte dell’opinione pubblica globale, riducendo così probabilmente le possibilità che vengano riconosciuti come leader de jure dell’Afghanistan in qualsiasi momento presto. E infine, l’ultimo punto è che l’assassinio del capo di Al Qaeda sembra non aver fatto alcuna differenza positiva.‎

‎Riflettendo su questa intuizione, alcune conclusioni diventano evidenti. In primo luogo, questo sciopero è stato quasi certamente inteso come una trovata di pubbliche relazioni da parte di Biden in vista delle prossime midterm in cui il suo partito dovrebbe fare male. In secondo luogo, la molto probabile “facilitazione passiva” del Pakistan di questo attacco non dovrebbe essere interpretata come la complicità cosciente dei suoi leader militari nelle controproducenti conseguenze anti-terrorismo che potrebbero seguire. Piuttosto, come è stato sostenuto nel pezzo ipertestuale nella prima frase di questa analisi, è stato quasi certamente un favore concesso agli Stati Uniti per ragioni economicamente opportunistiche.‎

‎La terza conclusione è che l’ISIS guadagna indiscutibilmente dagli Stati Uniti eliminando il capo del suo principale rivale. Questo a sua volta segue il quarto collegato al deterioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan che porta così alla conclusione finale che i talebani – nel bene e nel male e indipendentemente dal fatto che qualcuno li approvi o la loro visione del mondo, in parte o in pieno – sono l’unica forza combattente antiterrorismo efficace in quel paese. Per questo motivo, i suoi sforzi per stabilizzare la situazione socioeconomica dovrebbero essere sostenuti da tutte le parti interessate regionali in modo che possa concentrarsi maggiormente sulla lotta al terrorismo.‎

‎Gli Stati Uniti sono responsabili della rovina dell’Afghanistan dopo averlo occupato per circa due decenni, durante i quali i diversi trilioni di dollari di fondi che sono stati pompati in quel paese sono stati in gran parte riciclati invece di essere investiti nella sua ricostruzione sostenibile. La decisione di Washington di congelare diversi miliardi di dollari di fondi di Kabul sotto la sua giurisdizione ha immediatamente provocato una crisi umanitaria che ha creato terreno fertile per i gruppi terroristici per reclutare più membri. In assenza degli Stati Uniti che invertano questa mossa, il che è estremamente improbabile, i talebani continueranno a lottare per stabilizzare il paese.‎

‎La Russia, tuttavia, non si siederà e lascerà che la situazione continui a deteriorarsi. Mentre non riconosce ancora la legalità del governo afghano de facto guidato dai talebani poiché il gruppo rimane sotto le sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per i suoi legami con i terroristi, Mosca si impegna comunque ‎‎pragmaticamente‎‎ ‎‎ con loro allo scopo di aiutare i loro compatrioti e garantire la sicurezza regionale. L’ultimo esempio di ciò è coinciso con l’anniversario di un anno della cattura di Kabul da parte dei talebani, dopo ‎‎ che TASS aveva riferito il giorno prima che il ministro del Commercio afghano sarebbe arrivato a Mosca per colloqui lo stesso giorno.‎

‎Questo sviluppo dimostra che la Russia rispetta la sovranità dell’Afghanistan e ha in mente i migliori interessi del suo popolo, a differenza degli Stati Uniti che hanno appena sfacciatamente violato la sua sovranità per presumibilmente assassinare il capo di Al Qaeda, il cui esito né ‎‎i talebani‎‎ né il ‎‎ministero degli Esteri russo‎‎ hanno potuto confermare a parte il fatto che l’America ha effettuato l’ennesimo attacco contro un paese straniero. La situazione anti-terrorismo potrebbe comunque continuare a peggiorare lì, indipendentemente dal fatto che quel leader terrorista sia stato veramente eliminato come sostiene Washington, da qui l’importanza dei legami con la Russia.‎

‎Mosca rimane impegnata a sostenere la ricostruzione sostenibile dell’Afghanistan in modo che i suoi leader talebani de facto possano concentrare maggiormente i loro sforzi sulla lotta al terrorismo. Lo stesso approccio pragmatico è praticato anche da altre parti interessate regionali come Cina, Iran e Pakistan, che contribuiscono ad aiutare il popolo afghano anche a modo suo. Questi stati sono i più direttamente minacciati dal deterioramento delle situazioni socio-economiche e di sicurezza dell’Afghanistan, mentre gli Stati Uniti sono protetti dalle loro conseguenze da un intero emisfero, motivo per cui il primo vuole aiutare mentre il secondo no.‎

Andrew Korybko

15/08/2022

(traduzione automatica, ci scusiamo per gli errori presenti nel testo)

Russia Wonders Whether The Al Qaeda Chief’s Assassination Will Help ISIS In Afghanistan (substack.com)

L’articolo La Russia si chiede se l’assassinio del capo di Al Qaeda aiuterà l’ISIS in Afghanistan‎ proviene da .

Powered by WPeMatico