Corte Suprema russa: il Battaglione Azov è un’organizzazione terroristica

La Corte Suprema russa ha designato il battaglione nazionalista ucraino Azov come organizzazione terroristica e ha messo fuori legge le sue attività in Russia, riferisce TASS.

“Per soddisfare la mozione amministrativa del procuratore generale e riconoscere l’unità paramilitare ucraina Azov come organizzazione terroristica, vietando le sue attività sul territorio della Federazione Russa”, ha letto il giudice nella decisione.

Il tribunale ha annunciato solo il dispositivo della sentenza, le sue motivazioni rimangono sconosciute. La sentenza non è ancora entrata in vigore e può essere impugnata dinanzi alla corte d’appello.

La causa è stata esaminata in assenza di rappresentanti della parte opposta. La maggior parte dell’udienza si è svolta a porte chiuse, ai giornalisti è stato permesso di guardare la trasmissione solo nella fase dell’esame dei testimoni. I testimoni – attivisti russi per i diritti umani e giornalisti, hanno raccontato alla corte i numerosi episodi di crimini commessi dai militanti di Azov. In aula, hanno mostrato interviste con i residenti di Mariupol e Volnovakha, i cui parenti erano stati uccisi, rapiti o torturati dai militanti del battaglione Azov.

I membri dell’organizzazione riconosciuta dal tribunale come organizzazione terroristica sono penalmente responsabili. I fondatori e i leader sono puniti da 15 a 20 anni di carcere con una multa fino a 1 milione di rubli (oltre $ 16.500), mentre i partecipanti di base – da 5 a 10 anni di carcere con una multa fino a 500.000 rubli. Coloro che avevano volontariamente interrotto la partecipazione alle attività dell’organizzazione prima dell’inizio delle indagini, sono esenti da responsabilità penale.

MOSCA, 2 agosto. /TASS/

La Corte Suprema russa designa il battaglione nazionalista Azov come organizzazione terroristica – Russian Politics & Diplomacy – TASS

L’articolo Corte Suprema russa: il Battaglione Azov è un’organizzazione terroristica proviene da .

Powered by WPeMatico