[Rassegna stampa TASS] Il mondo visto da Mosca (19 Luglio 2022)

Vedomosti: Putin discuterà la questione dell’accordo nucleare durante la visita a Teheran

I leader di Russia, Iran e Turchia terranno un incontro sulla risoluzione della crisi siriana durante la visita del presidente russo Vladimir Putin a Teheran. Inoltre, Putin discuterà la questione dell’accordo nucleare con il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, osserva Vedomosti.

Le dichiarazioni di Kharrazi chiariscono che l’Iran è pronto a tornare alla piena conformità con il JCPOA solo se gli Stati Uniti forniranno una concessione importante, ha detto Adlan Margoyev, ricercatore presso il Centro per gli studi sul Medio Oriente presso l’Istituto statale di relazioni internazionali di Mosca. Rimuovere il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche dall’elenco delle organizzazioni terroristiche sarebbe stata un’opzione, ma non è successo. Attualmente non ci sono altri modi significativi per Washington di dimostrare a Teheran che tornare al rispetto dell’accordo nucleare sarà vantaggioso, e non sarà sufficiente per gli Stati Uniti semplicemente tornare al JCPOA, ha aggiunto Margoyev.

Secondo l’esperto, Teheran ritiene che se gli sforzi per ripristinare l’accordo falliscono, l’Iran farà fronte alle sanzioni. Inoltre, Margoyev osserva che da quando Biden è entrato in carica come presidente degli Stati Uniti, l’Iran ha aumentato le sue esportazioni di petrolio del 30%, principalmente verso la Cina, con gli Stati Uniti che chiudono un occhio su di esso. Tuttavia, è un’altra cosa che il fallimento degli sforzi per ripristinare il JCPOA porterà ad un aumento delle tensioni in Medio Oriente, o perché gli Stati Uniti e Israele cercheranno di distruggere le strutture pertinenti o perché l’Iran otterrà una bomba nucleare.

 

Izvestia: l’UE potrebbe rallentare il ritmo delle sanzioni

L’Unione europea potrebbe approvare ulteriori sanzioni contro la Russia entro la fine della settimana. Il settimo pacchetto di sanzioni contro Mosca che i ministri degli Esteri dell’UE hanno discusso il 15 luglio include un embargo sull’oro russo e misure per aumentare il controllo sull’esportazione di tecnologie a duplice uso e avanzate in Russia. Tuttavia, gli esperti intervistati da Izvestia sono fiduciosi che Bruxelles abbia esaurito i modi per costruire sanzioni. Inoltre, il nuovo pacchetto contiene una serie di esenzioni, che facilitano in particolare le esportazioni alimentari russe.

“Per quanto riguarda l’embargo sull’oro, non posso che accoglierlo. Credo che dobbiamo mantenere l’oro rifornito a casa piuttosto che scambiarlo con banconote di carta”, ha sottolineato alexey Chepa, primo vicepresidente della commissione per gli affari esteri della Duma di Stato (la camera bassa del parlamento). “È l’Europa che sta soffrendo di più per la guerra delle sanzioni. L’atteggiamento cinico dei politici europei nei confronti del proprio popolo è incredibile. Possiamo vedere i tassi di inflazione e i prezzi salire alle stelle. Oltre ai problemi economici, stanno emergendo anche questioni politiche mentre i funzionari governativi si stanno dimettendo in un certo numero di paesi occidentali “, ha aggiunto il legislatore.

Secondo Suslov, le restrizioni già imposte sono eccessive. “I paesi dell’UE stanno sempre più discutendo il boomerang delle sanzioni che li sta pungolando più dolorosamente. Ciò di cui i politici europei cercano di convincere i cittadini non è la necessità di imporre nuove restrizioni, ma la necessità di aspettare e vedere l’effetto di quelle esistenti”, ha osservato l’esperto.

 

Nezavisimaya Gazeta: il PIL globale sta per atterrare duramente

La situazione economica globale continua a deteriorarsi. Il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito di cambiamenti negativi nelle previsioni economiche globali che il suo rapporto di luglio conterrà. Per quanto riguarda la Russia, il peggioramento delle prospettive economiche globali crea rischi di un calo dei prezzi su tutti i beni che il paese esporta, osserva Nezavisimaya Gazeta.

Gli esperti vedono diverse ragioni per il calo del PIL globale. “I paesi occidentali hanno affrontato una crisi energetica prima di riprendersi completamente dalla pandemia di coronavirus. E poi, hanno lanciato una guerra contro il più grande esportatore mondiale di risorse”, ha sottolineato artem Tuzov, direttore esecutivo del dipartimento dei mercati dei capitali di Iva Partners. Essendo il più grande esportatore di risorse, la Russia dipende dall’economia globale, ha osservato l’esperto. “Il calo della domanda di materie prime farà scendere i prezzi di tutte le risorse che la Russia esporta, innescando anche una recessione nell’economia russa”, ha detto l’esperto.

“La situazione in Ucraina solleva rischi geopolitici. Le relative sanzioni e un calo dell’offerta di risorse al mercato globale stanno esacerbando le effettive carenze di energia e materie prime agricole, spingendo verso l’alto i loro prezzi e minando il rapporto costo-efficacia di molte imprese, nonché la domanda effettiva tra le aziende e i singoli consumatori “, ha spiegato Mark Goikhman, chief analyst di TeleTrade. Inoltre, gli elevati tassi di inflazione globale causati da precedenti iniezioni monetarie nell’economia per combattere la pandemia stanno ora costringendo le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse per contrastare l’aumento dei prezzi, ha aggiunto l’esperto.

In una situazione del genere, sarebbe presuntuoso aspettarsi che l’economia globale cresca in modo robusto. Inoltre, la Cina, che avrebbe potuto migliorare i tassi del PIL nel 2022, ha scelto la strada della tolleranza zero nei confronti del COVID-19, che ha indotto il paese a imporre blocchi a intere regioni, ha sottolineato Tuzov.

 

Kommersant: Gazprom dichiara la forza maggiore sulle forniture europee di gas

I principali clienti di Gazprom in Germania – Uniper e RWE – hanno ricevuto notifiche di forza maggiore dal 14 giugno. Questo è stato quando Gazprom ha annunciato che il Canada si era rifiutato di restituire una turbina per Nord Stream, costringendo il gigante del gas a tagliare le forniture di gas attraverso il gasdotto al 40% della sua capacità prevista. Gli analisti ritengono che adottando tali misure, Gazprom cerchi di sfuggire alle sanzioni per le carenze di gas, scrive Kommersant.

I contratti a lungo termine di Gazprom determinano i livelli minimi e massimi di forniture giornaliere per ogni trimestre. Se la società del gas non soddisfa nemmeno la richiesta minima di forniture, un importatore ha il diritto di addebitare una sanzione, che consiste in una multa e una compensazione per le carenze di gas. Molti clienti europei hanno dichiarato dopo il 14 giugno che le loro richieste non venivano soddisfatte. In particolare, la situazione ha spinto Uniper sull’orlo del fallimento, quindi la società ha dovuto acquistare gas attraverso accordi azionari a prezzi superiori a quelli previsti dai contratti a lungo termine di Gazprom.

Secondo l’esperto indipendente Alexander Sobko, la dichiarazione di forza maggiore deriva dal desiderio di Gazprom di sfuggire alle sanzioni per la riduzione delle forniture di gas, che molto probabilmente sono scese al di sotto dei livelli contrattuali obbligatori.

“Se altre parti si rivolgono al tribunale, ci si può aspettare che si svolgano lunghi procedimenti giudiziari, in cui la quantità di gas fornita tramite Nord Stream sarà confrontata con le capacità delle unità di compressione del gas e la situazione con la manutenzione delle turbine sarà presa in considerazione”, ha osservato l’esperto. Sottolinea che nell’inverno del 2014-2015, quando Gazprom ha cercato di impedire il lancio di forniture di gas inverso all’Ucraina, la società ha anche ridotto le forniture al di sotto del livello contrattuale e, di conseguenza, Gazprom ha effettivamente pagato una penale per il deficit di fornitura di gas.

 

Izvestia: La lotta al cambiamento climatico impedirà ondate di calore senza precedenti?

L’Europa sta soffocando a causa di un’ondata di caldo senza precedenti e di gravi incendi boschivi. Queste temperature anomale hanno recentemente sostituito l’impennata dell’inflazione e le crisi politiche sulle prime pagine in Occidente. Nel frattempo, un clima così caldo sta diventando un fenomeno normale per l’Europa, scrive Izvestia, citando esperti.

“Oggi, dovremmo vedere la situazione all’inizio del 21 ° secolo come la norma piuttosto che quella a metà del 20 ° secolo. Ondate di calore più frequenti e intense sono certamente il risultato del riscaldamento globale. Dobbiamo adattarci ad esso, ma dobbiamo anche combatterlo. Gli impegni che i grandi paesi hanno fatto alla fine dello scorso anno, con la Russia che ha promesso di diventare una nazione carbon neutral entro il 2060, sono cruciali”, ha sottolineato Alexey Kokorin, responsabile del programma per il clima e l’energia del WWF Russia. Secondo lui, anche se una transizione graduale verso l’energia priva di carbonio non impedirà future ondate di calore, ridurrà la loro scala.

Tuttavia, il direttore dell’Istituto panrusso della natura Andrey Peshkov la pensa diversamente. “Il ruolo umano nell’inquinare l’ambiente è enorme, ma è molto piccolo in termini di cambiamenti climatici. Ci sono cambiamenti naturali nelle condizioni climatiche e il contributo umano al processo non è essenziale rispetto ai fattori geologici. Combattere ciò che dipende dalla natura invece di adattarsi ai cambiamenti è un po ‘come combattere i mulini a vento “, ha osservato l’esperto.

Secondo lui, il 99% di tutti gli incendi boschivi in Russia sono causati da attività umane piuttosto che dal fattore climatico, con oltre la metà degli incendi innescati da incendi dolosi. Dobbiamo combattere queste cose “invece di incolpare tutto sul clima”, ha sottolineato l’ambientalista.

TASS non è responsabile per il materiale citato in queste rassegne stampa

19/07/2022

Rassegna stampa: cosa c’è nell’agenda del tour iraniano di Putin e del PIL globale per ottenere un atterraggio duro – Rassegna stampa – TASS

L’articolo [Rassegna stampa TASS] Il mondo visto da Mosca (19 Luglio 2022) proviene da .

Powered by WPeMatico