José Ramón Balaguer: “Fidel ci ha insegnato a essere rivoluzionari”

Era il luglio 2017 e il Comandante José Ramón Balaguer, allora capo del Dipartimento delle Relazioni Internazionali del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, si stava recando in Nicaragua a capo della delegazione cubana che avrebbe partecipato alla 23ª Riunione Annuale del Forum di San Paolo.

Poco prima di partire per le terre sandiniste, avevamo avuto una lunga conversazione sulla storia del FSP, sulle sfide in quel contesto e sull’unità latinoamericana.

Già in Nicaragua, in ogni fase del dibattito e della discussione di quell’incontro, in ogni corridoio, in ogni workshop ed evento, una parola, un’immagine, una voce era più viva che mai: Fidel, un essere umano e un leader eccezionale a cui è stato reso omaggio come grande amico e compagno, la forza trainante e il principale architetto dell’unità e dell’integrazione regionale, un instancabile combattente per l’umanità.

Erano passati solo pochi mesi dalla scomparsa del leader della Rivoluzione cubana.

Di ritorno a Cuba e a poche ore dal 91° anniversario della nascita del Comandante in Capo, pubblichiamo la seconda parte dell’intervista a Balaguer, in cui approfondisce il concetto di rivoluzione di Fidel.

È stata forse l’ultima intervista che ha rilasciato. Parlare di Fidel lo faceva rabbrividire.

In omaggio al Comandante Balaguer, riproduciamo oggi quel dialogo

Comandante Balaguer: come possiamo affrontare l’eredità di Fidel?
L’eredità di Fidel è nel concetto di Rivoluzione. Se la si guarda e la si analizza punto per punto, ci si rende conto che – almeno io la considero tale – è l’autobiografia di Fidel.
Ognuna di queste cose, perché questo lascito non solo stabilisce cos’è la Rivoluzione, ma stabilisce anche come dovrebbe essere un rivoluzionario, quali valori dovrebbe avere un rivoluzionario. L’etica di Martí è presente in questa eredità e nei valori che l’etica rappresenta per un rivoluzionario.

Senso del momento storico.
Quando lo si rilegge e si vede il primo punto “senso del momento storico”, si comincia a pensare perché Fidel abbia proprio questo. E poi si ricorda di Cinco Palmas, ora, non dico altro. Sette fucili e “ora abbiamo vinto la guerra”, contro la dittatura di Batista, contro i suoi militari e contro l’impero; e l’ha fatto.
Questa è una cosa importante per i rivoluzionari: avere il senso del momento storico. E questo è ciò che la Rivoluzione ha fatto, ha fatto in ogni momento ciò che doveva fare, anche quando l’URSS è scomparsa, e ha fatto ciò che doveva fare in quel momento storico, nonostante le difficoltà, nonostante la mancanza di risorse. Eravamo rimasti senza nulla, senza scambi, senza nulla, eppure abbiamo prevalso.

Cambiare tutto ciò che deve essere cambiato.
Questa è la concezione dialettica della società, i concetti marxisti di sviluppo sociale e sviluppo economico in tutti i sensi e noi lo abbiamo fatto.
Quando avete tempo, prendete i discorsi di Fidel ai Congressi e non leggete altro che l’analisi critica che fa delle nostre mancanze e dei nostri problemi dal primo Congresso e le cose che sono state fatte per cambiare questo, per cambiare quello, per cambiare l’altro. E ora cosa si sta facendo dopo il 7° congresso con gli accordi.

Etica, verità, solidarietà, giustizia per Cuba e per il mondo.
E così tutto il resto, i valori etici che esistono: il problema della verità, il problema della solidarietà. Un processo rivoluzionario, qualunque sia la sua concezione politica, se non ha la solidarietà umana nei suoi fondamenti e nella sua condotta, non avrà alcun beneficio per il mondo e per i popoli. E questo è nel pensiero e nel comportamento di Fidel.
Nessuno al mondo può fare quello che ha fatto la Rivoluzione cubana: andare in Africa come abbiamo fatto noi, andare in Angola. E la solidarietà con i nostri medici, con il nostro personale sanitario, nessun Paese può farlo, non può. Il sistema capitalista non può, non può, non può farlo. Il sistema capitalista non può, non ha la volontà, né le condizioni, né le persone con un forte senso di solidarietà per farlo. E la Rivoluzione lo ha fatto nonostante le nostre carenze e le nostre difficoltà.
Quando parla dei suoi sogni di giustizia per Cuba e per il mondo, questo è stato il suo sogno permanente: la sua vita, i suoi insegnamenti e quello che ha trasmesso a tutti noi in tutto questo tempo. E quando parla di patriottismo, socialismo e internazionalismo, queste sono tre cose che ci sono.

Patriottismo.
Il patriottismo è la cosa principale. E cos’è il patriottismo? Il patriottismo si basa fondamentalmente sulla solidarietà umana, sulla solidarietà con i nostri compatrioti in ogni momento e in ogni modo.
E questo è ciò che la Rivoluzione ha governato per tutto il tempo: un governo per il popolo, per gli esseri umani, ed è per questo che i maggiori bilanci del Paese sono legati agli esseri umani: l’istruzione gratuita, la sanità gratuita, il problema della sicurezza sociale, il problema della cultura, il problema dello sport, il problema della conoscenza. È essenziale.

“Il popolo cubano vincerà”, un addio?
Quell’espressione di Fidel era un ordine di combattimento. Ci sta dicendo: “L’unica via d’uscita è il trionfo”. Cuba trionferà”. E questo è lo spirito che regna in questo momento nella condotta, nell’azione del Partito. In altre parole, Fidel muore con il pensiero e la fiducia che la Rivoluzione trionferà. È stata un’espressione di fiducia per tutti noi. Ci stava dicendo: “Ho fiducia in tutti voi. La Rivoluzione non ha altra strada che il trionfo”.
E sapete qual è la proprietà di Fidel quando è morto? La sua uniforme, il suo berretto, il suo grado di Comandante in Capo e i suoi stivali. E che fu bruciato con i suoi beni, i beni che aveva portato con sé. Un’altra grande proprietà che ha portato con sé è il nostro cuore e la nostra anima. Fidel era un essere straordinario, straordinario.

16/07/2022

Fonte: https://www.radiorebelde.cu/noticia/jose-ramon-balaguer-ldquo-fidel-nos-enseno-a-ser-revolucionarios-rdquo–20220716

Traduzione: www.italiacuba.it

L’articolo José Ramón Balaguer: “Fidel ci ha insegnato a essere rivoluzionari” proviene da .

Powered by WPeMatico