Giorgio Cremaschi: “Il governo della menzogna”

Il governo ha portato l’Italia in guerra contro la Russia, sbeffeggiando l’articolo 11 della Costituzione, spiegando che così si difende la pace.

Il governo si è schierato felicemente a fianco di dittatori, ladri e assassini, spiegando che così si difende la democrazia.

Il governo aggrava la tremenda crisi economica, con ingiustizie sfruttamento e povertà dilaganti, spiegando che così si difende la crescita.

Il governo non fa nulla contro la crisi climatica, per la salute e la vita, e spiega che sta salvando l’ambiente.

Il governo intriga e minaccia ai danni di chi dissente e spiega che è difesa della libertà.

Solo la corruzione a lungo maturata della nostra democrazia, con partiti sempre concordi che si fingono contrapposti, ha potuto portare al fatto che questo governo fondato sulle bugie possa essere accettato.

È la compagnia unica euroatlantica dei Letta, Berlusconi, Salvini, Bersani, Meloni, Di Maio, Renzi, con Conte sempre sull’uscio ma mai davvero fuori: è questa compagnia indecente che regge la coda a Mario Draghi. Che rappresenta al meglio il peggio delle classi dirigenti del paese. Con la benedizione ipocrita di Mattarella.

La liberazione da Draghi, da chi lo sostiene e da tutto ciò che rappresenta, non è solo una necessità per la pace e la giustizia sociale. Essa è un bisogno morale profondo, perché il banchiere guerrafondaio è la copertura, l’incentivo e l’esaltazione di ogni trasformismo, opportunismo, affarismo.

Siamo precipitati al fondo di trent’anni di politica venduta e di stampa asservita, per risalire il primo passo è cacciare Draghi, il capo del governo della menzogna.

Giorgio Cremaschi

7 Luglio 2022 – © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Il governo della menzogna – Contropiano

L’articolo Giorgio Cremaschi: “Il governo della menzogna” proviene da .

Powered by WPeMatico