[Superando.it] La rappresentazione fotografica della disabilità

«Un evento tutto dedicato alla potenza dello sguardo e alla rappresentazione per immagini della disabilità»: viene presentato così da SuperAbile INAIL, il contact center integrato sulla disabilità, l’incontro in programma per il 20 dicembre presso l’Auditorium INAIL di Roma, durante il quale è prevista la premiazione dei sei vincitori del concorso fotografico “Scatto inSuperAbile”, nonché del numero speciale della rivista «SuperAbile INAIL», incentrato quest’anno su una selezione di alcune tra le migliori fotografie pubblicate nei quasi dieci anni di vita della rivista stessa
(continua…)

Ancora violenze su persone con disabilità in una struttura residenziale
Emerge in Sicilia un’altra vicenda, purtroppo simile a molte già accadute in precedenza, anche se forse ancora più grave, di incredibili violenze nei confronti di persone con disabilità intellettiva e psichiatrica, in una struttura residenziale convenzionata. «L’ennesima vicenda – commenta il presidente della Federazione FISH Falabella – che ci fa dire come non si possa più indugiare nel prevedere una riforma del sistema dei servizi riabilitativi, semiresidenziali e residenziali, ma anche, in parallelo, nel definire e implementare una concreta strategia di deistituzionalizzazione»
(continua…)

Una stazione non accessibile costituisce discriminazione diretta
La linea ferroviaria Bologna-Porretta Terme presenta una fermata, quella di Borgonuovo, con una banchina troppo bassa per le persone con disabilità motoria. Come già in altri precedenti casi di inaccessibilità, la SIDIMA (Società Italiana Disability Manager) si è attivata con il proprio Servizio Antidiscriminazione, ottenendo un’Ordinanza di condanna di RFI (Rete Ferroviaria Italiana), prodotta dal Tribunale di Bologna, con il chiaro riconoscimento del fatto che le barriere architettoniche in una stazione costituiscono una discriminazione diretta ai sensi della Legge 67/06
(continua…)

Autismo: metodi abilitativi in una stanza multisensoriale interattiva
Verranno presentati il 20 dicembre dalla Fondazione Progettoautismo FVG (Friuli Venezia Giulia), presso la propria sede di Feletto Umberto di Tavagnacco (Udine), i dati preliminari di oltre un anno, riguardanti una ricerca tuttora in corso, promossa dalla stessa Fondazione friulana, in sinergia con le Università di Trieste e di Udine, finalizzata allo sviluppo di nuovi metodi abilitativi, che prevedono l’utilizzo di strumenti tecnologici d’avanguardia, dedicati al potenziamento di abilità cognitive, sociali e motorie di bambini, bambine, ragazzi e ragazze con disturbo dello spettro autistico
(continua…)

Memoria, Arte, Natura ad occhi chiusi
Durante l’incontro in programma per domani, 18 dicembre, presso la sede dell’APRI di Torino (Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti), verrà presentato il progetto “Memoria, Arte, Natura ad occhi chiusi”, iniziativa curata dall’Associazione bolognese La Girobussola, in collaborazione con il tour operator Viaggi e Miraggi e grazie al contributo dell’8 per mille della Chiesa Valdese, che ha portato a realizzare un trekking accessibile da Marzabotto a Riola nell’Appennino Bolognese, aperto appunto alle persone con disabilità visiva
(continua…)

Per i caregiver dei “gravissimi” c’è solo la vita dipendente e a casa nostra
«A proposito del bell’articolo di Simona Lancioni pubblicato da «Superando.it» sull’interdipendenza tra caregiver e persone con disabilità, vorrei aggiungere il mio contributo personale – scrive Giorgio Genta – su una categoria specifica dell’utenza del lavoro di cura, quella dei “gravissimi”, sottolineando che per i loro caregiver esiste solo la vita dipendente e a casa nostra, con pochi aiuti, pochi soldi, molta fatica, moltissima burocrazia. E a volte persino quelli felicissimi di farlo (a me ha letteralmente dato senso alla vita) possono diventare un po’ acidi, specie quando scrivono…»
(continua…)

Formazione teorica e pratica sul ruolo del Garante delle persone con disabilità
Promossa dall’Associazione di Promozione Sociale Ufficio Nazionale del Garante della Persona Disabile di Palermo, si terrà domani, 18 dicembre, in forma di videoconferenza, una giornata di formazione teorico-pratica sul ruolo del Garante della Persona con Disabilità, rivolgendosi in particolare a coloro che già ricoprono tale incarico – o che intendano ricoprirlo –sul territorio siciliano, sia a livello regionale che locale, ma anche ad avvocati, assistenti sociali e a chiunque altro sia interessato alla materia
(continua…)

L’interdipendenza tra caregiver e assistito: un modello in continua evoluzione
«L’“interdipendenza della cura” – scrivono dall’Associazione Gilo Care – sulla quale si è soffermata Simona Lancioni su queste stesse pagine, è fatta di tre diversi “soggetti”, il caregiver, la persona assistita e la relazione che si stabilisce tra i due, dando vita a un modello vivo, variabile, in continua evoluzione, differente nella specificità da un caso a un altro, ma certamente essenziale al funzionamento e al successo della “ cura” stessa. Più le parti ne sono consapevoli, tanto migliore sarà il caregiving che ne deriverà, il quale risulterà meno “subìto” e in balìa degli eventi»
(continua…)

Accolte le istanze della FISH sull’assegno unico universale
Un diverso importo per l’assegno ai figli con disabilità inabili al lavoro, le somme ricevute a titolo risarcitorio e il patrimonio per il “Dopo di Noi” non considerate ai fini dell’ISEE: su tali questioni la Federazione FISH aveva chiesto di introdurre altrettante misure, nella Legge sull’assegno unico universale, per prevenire possibili disuguaglianze nei confronti delle famiglie con disabilità. Ora quelle istanze sono state accolte in sede di Commissione Affari Sociali della Camera, che sta definendo il Decreto Legislativo il quale dovrà portare alla concreta attuazione della norma
(continua…)

Tutti i significati delle parole “aprire un tavolo”
Spesso sono i politici (e non solo) ad “aprire un tavolo”, per indicare la necessità o la richiesta di una trattativa con pluralità di proposte. Nel mondo reale, invece, si riferisce piuttosto all’operazione che permette di allungare un tavolo per il pranzo di Natale. Per le persone con disabilità, poi, questa espressione può voler dire aprire un tavolo da fisioterapia. E per le caregiver che accudiscono persone con grave disabilità? «Quelle non hanno il tempo di sedersi a tavola…», scrive Giorgio Genta
(continua…)

 

L’articolo [Superando.it] La rappresentazione fotografica della disabilità proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico