Premio Whistleblower a Daniel Hale per aver aver svelato verità su droni militari

L’ex analista dell’intelligence militare è attualmente imprigionato in Illinois

 
Daniel Hale, l’ex analista dell’Air Force degli Stati Uniti attualmente imprigionato per aver rilasciato documenti top-secret sul programma dei droni del governo, mercoledì ha ricevuto un premio internazionale per la sua denuncia. Blueprint for Free Speech, un ente di beneficenza senza scopo di lucro con sede in Australia, ha dato a Hale il suo premio internazionale, affermando che “ha sollecitato maggiori richieste all’amministrazione Obama a rendere noto al pubblico in modo continuativo della sua politica dei droni”.
Hale è stato condannato a 45 mesi di prigione a luglio dopo essersi dichiarato colpevole di aver violato un singolo capo d’accusa dell’Espionage Act, una controversa legge del 1917 spesso utilizzata contro gli individui che condividono informazioni sulla sicurezza nazionale con la stampa. Originariamente intesa per le spie straniere, la legge impedisce agli accusati di usare le loro motivazioni per la fuga di notizie come difesa. Il giudice, Liam O’Grady del tribunale degli Stati Uniti per il distretto orientale della Virginia, ha respinto con riserva altre quattro accuse contro Hale.
Durante l’accusa di Hale, gli avvocati del governo, che hanno paragonato Hale a uno spacciatore di eroina e hanno esortato la corte a pronunciare la sentenza più severa possibile, 11 anni di prigione, hanno fortemente insinuato che Hale fosse la fonte della serie di The Intercept del 2015 “The Drone Papers”. Per politica, The Intercept non commenta l’identità delle sue fonti confidenziali.
Prima della sua condanna, Hale ha presentato una lettera scritta a mano alla corte in cui ha dettagliato il suo coinvolgimento nelle operazioni dei droni in Afghanistan e Yemen – oltre all’Air Force, Hale era anche impiegato come appaltatore di intelligence. Ha scritto che ha osservato l’esercito etichettare abitualmente tutti i “maschi in età militare” uccisi in attacchi di droni come “nemici uccisi in azione”, indipendentemente da ciò che stavano facendo o se il governo conosceva la loro identità.
Le operazioni dei droni statunitensi all’estero hanno ucciso tra le 9.000 e le 17.000 persone dal 2004, secondo una stima del Bureau of Investigative Journalism, compresi ben 2.200 bambini e diversi cittadini statunitensi. L’organizzazione pone la stima complessiva delle vittime civili degli attacchi statunitensi in tutto il mondo tra 910 e 2.200 individui.
Hale ha detto alla corte che ha fatto trapelare i documenti sul programma dei droni per un senso di dovere morale. “Sono qui perché ho rubato qualcosa che non è mai stato mio da prendere – preziosa vita umana”, ha detto alla sua sentenza. “Non potevo continuare a vivere in un mondo in cui la gente fa finta che non stiano accadendo cose che invece stanno accadendo. Per favore, vostro onore, perdonatemi per aver preso documenti invece di vite umane”.
Betsy Reed, caporedattore di The Intercept, ha detto in una dichiarazione al momento della condanna di Hale che i documenti che Hale è stato accusato di aver fatto trapelare “hanno rivelato la verità sulla segreta e assassina guerra dei droni del governo degli Stati Uniti, compreso che l’uccisione di civili era molto più diffusa di quanto precedentemente riconosciuto”.
Tra i precedenti destinatari del premio Blueprint for Free Speech ci sono altri obiettivi passati dei procedimenti giudiziari per la fuga di notizie sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, tra cui Chelsea Manning e Reality Winner.
Hale, che ha personalmente rifiutato l’etichetta di “whistleblower”, è attualmente incarcerato all’USP Marion, un penitenziario federale a Marion, Illinois, dove è stato tenuto in una “Communications Management Unit” da ottobre. Comunemente conosciute come CMU, le unità altamente restrittive sono apparentemente destinate ad ospitare gli individui più pericolosi e per progetto tagliano praticamente ogni accesso al mondo esterno. Secondo il Center for Constitutional Rights, “essere mandati in una CMU è unicamente stigmatizzante perché è descritto pubblicamente come un’unità terroristica”. In ottobre, il giornalista Kevin Gosztola ha riferito che Hale è “la prima persona condannata per una divulgazione non autorizzata di informazioni alla stampa ad essere incarcerata in una CMU”.
Il mese scorso, la rete di sostenitori di Hale ha riferito che stava esaminando un grande lotto di lettere e libri e che era desideroso di ricevere “articoli e notizie su qualsiasi cosa che non fosse la politica estera”. Il gruppo di sostegno ha creato una pagina GoFundMe per “aiutare ad alleviare la costrizione finanziaria causata da un’indagine criminale lunga un decennio, l’accusa e ora l’incarcerazione”. La data prevista per il rilascio di Hale è il 5 luglio 2024.
(Si ringrazia Maria Pastore per la segnalazione e condivisione in italiano su: https://www.facebook.com/groups/italianiperhale/posts/267939215317871/)

L’articolo Premio Whistleblower a Daniel Hale per aver aver svelato verità su droni militari proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico