Robot killer, gli USA si oppongono all’ONU a un accordo vincolante

Washington ha rifiutato l’idea di regolamentarne l’uso attraverso uno “strumento giuridicamente vincolante” proponendo invece un “codice di condotta non vincolante”. Un certo numero di paesi hanno chiesto il divieto totale di qualsiasi arma che potrebbe usare la forza letale senza una supervisione.

Gli Stati Uniti respingono il regolamento vincolante sui robot killer alle Nazioni Unite. Le Nazioni Unite ospitano colloqui diplomatici a Ginevra dal 2017 volti a raggiungere un accordo su come affrontare l’uso dei robot killer.

Respingendo le richieste di un accordo vincolante che regoli o vieti l’uso di armi spesso soprannominate robot killer, Washington ha invece proposto alle Nazioni Unite giovedì un “codice di condotta”.

Intervenendo a un incontro a Ginevra incentrato sulla ricerca di un terreno comune sull’uso di queste cosiddette armi letali autonome, un funzionario statunitense ha rifiutato l’idea di regolamentarne l’uso attraverso uno “strumento giuridicamente vincolante”.

L’incontro ha visto esperti governativi prepararsi per colloqui ad alto livello in una conferenza di revisione sulla Convenzione su alcune armi convenzionali dal 13 al 17 dicembre.

“Secondo noi, il modo migliore per fare progressi… sarebbe attraverso lo sviluppo di un codice di condotta non vincolante”, ha detto il funzionario statunitense Josh Dorosin durante l’incontro.

Le Nazioni Unite ospitano colloqui diplomatici a Ginevra dal 2017 volti a raggiungere un accordo su come affrontare l’uso dei robot killer.

Gli attivisti e un certo numero di paesi hanno chiesto il divieto totale di qualsiasi arma che potrebbe usare la forza letale senza che un essere umano supervisioni il processo e stabilisca l’ordine di uccisione finale.

Nel novembre 2018, il segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è unito alla richiesta di divieto, ma finora i paesi non sono nemmeno d’accordo sulla necessità di regolamentare le armi.

Durante il dibattito di giovedì, diversi paesi, tra cui India e Stati Uniti, hanno criticato l’idea di un accordo giuridicamente vincolante.

Dorosin ha insistito sul fatto che un codice di condotta “aiuterebbe gli stati a promuovere comportamenti responsabili e il rispetto del diritto internazionale”.

Gli attivisti non erano d’accordo.

“Gli Stati hanno un’opportunità storica di garantire un controllo umano significativo sull’uso della forza e prevenire un mondo in cui le macchine prendono decisioni di vita o di morte”, ha detto all’AFP Clare Conboy della Campaign to Stop Killer Robots.

“Un processo indipendente per negoziare una nuova legge sui robot killer sarebbe più efficace e inclusivo degli attuali colloqui diplomatici”, ha affermato in una nota Bonnie Docherty, ricercatrice senior di HRW.

Tradotto da per PeaceLink

Fonte: https://www.newindianexpress.com/world/2021/dec/03/us-rejects-killer-robots-regulation-at-un-proposes-code-of-conduct-2391314.html – 03 dicembre 2021

 

Petizione internazionale per fermare i Robok Killer:

https://retepacedisarmo.org/stop-killer-robots/2021/11/agisci-ora-per-fermare-i-killer-robots/

 

Sui robot killer opposizione degli Stati Uniti all’ONU a un accordo vincolante (peacelink.it)

 

L’articolo Robot killer, gli USA si oppongono all’ONU a un accordo vincolante proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico