[Salviamo il Paesaggio] Strategia europea del Suolo per il 2030

Il documento, pubblicato il 17 novembre 2021, è stato adottato dalla Commissione Europea

Il 17 novembre la Commissione Europea ha approvato la “Strategia del Suolo per il 2030” che sarà parte integrante dell’attuazione del Green Deal europeo.

La strategia definisce misure per proteggere e ripristinare i suoli e garantire che siano utilizzati in modo sostenibile. L’obiettivo principale è far sì che, entro il 2050, tutti gli stati membri della Comunità Europea evitino di consumare suolo (zero net land take) e facciano in modo di avere i propri suoli “sani” attraverso azioni concrete, molte delle quali dovranno essere attuate già entro il 2030.

La strategia annuncia inoltre una nuova legge sulla salute dei suoli, da approvare entro il 2023. La legge dovrà garantire attraverso la tutela dei suoli un alto livello di protezione dell’ambiente e di salvaguardia della salute delle popolazioni, partendo dal principio che suoli sani producono cibi sani.

La strategia dell’UE per il suolo mira a garantire, entro il 2050:

  • che tutti i suoli europei siano sani e più resilienti e che possano continuare a fornire i loro servizi fondamentali (servizi ecosistemici);
  • che il consumo netto di suolo sia ridotto a zero e che l’inquinamento dei suoli venga riportato a livelli che non siano dannosi per la salute delle persone o per gli ecosistemi;
  • che i suoli siano protetti e gestiti in modo sostenibile ripristinando anche quelli attualmente degradati.

Il documento indica una serie di punti fermi e di azioni da realizzare nei prossimi anni:

  • la presentazione entro il 2023 di una legge europea per la tutela della salute del suolo, che recepisca tutti i contenuti della strategia;
  • una “gestione sostenibile del suolo”, ovvero una prassi di gestione dei suoli europei, promossa attraverso le azioni specifiche della Politica Agraria Comunitaria, volte a condividere e sviluppare le migliori pratiche di gestione agronomica, e mediante campagne gratuite di analisi dei terreni agricoli;
  • favorire l’accumulo di carbonio organico nei suoli, per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, anche attraverso azioni legislative che proteggano e vincolino le zone umide e i suoli organici;
  • l’istituzione di un “passaporto” a quei suoli che vengono scavati e riutilizzati, per controllare la loro qualità e migliorane il riutilizzo del suolo pulito, promuovendo così l’economia circolare nel suolo;
  • favorire il ripristino di suoli degradati e bonifica di siti contaminati attraverso misure specifiche;
  • la prevenzione della desertificazione, mediante lo sviluppo di una metodologia comune per valutarne il livello e prevenire il degrado del suolo;
  • potenziare la ricerca, la raccolta di dati e il monitoraggio sul suolo;
  • aumentare, nella società civile, la consapevolezza dell’importanza del suolo come risorsa, destinando a questo scopo le necessarie risorse finanziarie.

Il testo della comunicazione, assieme al documento di accompagnamento, può essere scaricato al seguente link: https://ec.europa.eu/environment/publications/eu-soil-strategy-2030_en

Il video della Commissione Europea che racconta brevemente della Strategia:
https://audiovisual.ec.europa.eu/en/video/I-212163?&lg=INT

 


 

Il Parlamento europeo vota una Politica agricola comune (Pac) disastrosa

Il 23 novembre il Parlamento europeo ha votato in plenaria l’approvazione della nuova politica agricola europea, la Pac, che sarà in vigore fino al 2027. Il bilancio di questo fondamentale piano strategico è un vero e proprio disastro e a pagarne il conto sono ancora una volta le piccole aziende agricole, l’ambiente e il clima. La nuova riforma non affronta adeguatamente i problemi urgenti che riguardano il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e la mancanza di equità nella distribuzione dei sussidi; favorisce al contrario un modello agricolo industriale che premia gli ettari piuttosto che le pratiche sostenibili…

LEGGI L’ARTICOLO >

_____________________________________

Terminillo, segnalazione delle associazioni ambientaliste #NoTSM alla Corte dei Conti

Inviata una segnalazione alla Corte dei Conti per chiedere una verifica sull’inefficienza dei meccanismi che sovrintendono la spesa e il conseguente spreco di denaro pubblico in relazione all’ormai annoso tema del progetto di ampliamento degli impianti sciistici sul monte Terminillo, in provincia di Rieti…

LEGGI L’ARTICOLO >

_____________________________________

Macerata: ampio dissenso nei confronti del progetto di un nuovo maxi centro commerciale

Nella frazione di Piediripa sono presenti già due strutture della grande distribuzione nel giro di pochi chilometri. Ma ecco affacciarsi il progetto di un terzo “mall” nell’area di via Bramante (la provinciale verso Macerata): 27.500 metri quadrati di centro commerciale su tre livelli e un parcheggio all’aperto di 25.000 metri quadrati…

LEGGI L’ARTICOLO >

_____________________________________

Dammi lavoro che ti dò il… GREEN FIELD!

Da settimane ci si interroga se il Piemonte sia ancora “in partita” riguardo al possibile mega insediamento della fabbrica di microchip di INTEL. Più si avvicina la scadenza di fine anno e più si moltiplicano le voci su dove finirà l’investimento della multinazionale, tra i 4 e gli 8 miliardi di euro. L’Assessore regionale alle Attività Produttive spalanca le porte per una soluzione “green field”, cioè su prato verde

LEGGI L’ARTICOLO >

_____________________________________

Genova: Petizione popolare contro la variante al PUC di Vesima

Vesima è una piccola frazione di Genova, priva di accesso ai servizi essenziali, in precarie condizioni idrogeologiche eppure oggi di fronte a una proposta di variante al Puc che la cittadinanza chiede di valutare attentamente…

LEGGI L’ARTICOLO >

_____________________________________

 

Forum dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio
“SALVIAMO IL PAESAGGIO – DIFENDIAMO I TERRITORI”
www.salviamoilpaesaggio.it

L’articolo [Salviamo il Paesaggio] Strategia europea del Suolo per il 2030 proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico