L’aggressione della Turchia nella Siria del Nord

Sempre più truppe e ulteriori violazioni dei diritti umani

Il presidente turco Erdogan sta cercando di ottenere il via libera da USA e Russia per nuove guerre di aggressione contro i curdi e altre minoranze nel nord della Siria. Secondo le informazioni dell’Associazione per i Popoli Minacciati (APM), almeno 150 persone sono state arrestate negli ultimi tre mesi nelle zone occupate dalla Turchia, come Afrin. Secondo notizie non ancora confermate, 38 persone sarebbero morte in custodia statale-turca o siriano-islamica. Si teme che queste persone siano state pesantemente torturate. Inoltre, fonti dell’APM riportano 14 atti di violenza di genere da parte dell’esercito turco e dei mercenari islamisti siriani. In meno di una settimana, cinque donne curde sono state arrestate ad Afrin.

Dopo il suo incontro con il presidente russo Putin a Sochi alla fine di settembre, c’è stata una conversazione con il presidente degli Stati Uniti Biden a margine del vertice del G20 a Roma domenica scorsa. Se Erdogan abbia ricevuto il permesso per i suoi piani di guerra rimane incerto. Tuttavia, sta ripetendo le sue minacce contro il nord della Siria e sta inviando sempre più truppe e mercenari nella zona di guerra. Sia la Russia che la NATO stanno lasciando che Erdogan faccia indisturbato la sua strada. Sono quindi corresponsabili delle peggiori violazioni dei diritti umani e dei crimini di guerra commessi dalla Turchia e dagli islamisti siriani contro le popolazioni curde, yezidi e cristiane e altre minoranze in Siria.

Con il sostegno finanziario delle associazioni islamiste di tutto il mondo, la Turchia sta accelerando la costruzione di nuovi insediamenti per i sunniti radicali ad Afrin, Sere Kaniye (Ras al-Ain) e altre zone occupate del nord della Siria. Continua anche il furto di coltivazioni di olive da parte dell’esercito turco e degli islamisti siriani. Inoltre, c’è un ulteriore disboscamento di oliveti ad Afrin per fare legna da ardere. Circa 16.785 alberi da frutto appartenenti alla popolazione curda e grandi aree di foresta di conifere ad Afrin sono stati distrutti. La Turchia finanzia i suoi mercenari siriani con le entrate depredate.

 


 

L’aggressione della Turchia nella Siria del Nord: sempre più truppe e ulteriori violazioni dei diritti umani, 3.11.2021 (gfbv.it)

 

L’articolo L’aggressione della Turchia nella Siria del Nord proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico