MSF: Attacco missilistico a Marib (Yemen) causa numerose vittime civili

Un attacco missilistico nell’area residenziale di Rawdah Jadidah, nel governatorato di Marib, domenica 3 ottobre, ha ferito numerosi civili e ucciso almeno quattro persone, tra cui due bambini.

Le nostre équipe stanno supportando il pronto soccorso dell’ospedale generale di Marib. Sono 14 le persone trattate, otto delle quali in gravi condizioni, mentre quattro sono arrivate già decedute.

Quasi tutti i pazienti arrivati in ospedale erano civili, incluse donne e bambini. Le nostre équipe hanno ricevuto due bambini morti a causa delle ferite. Tra le persone assistite, una donna incinta con ferite al petto dovute all’esplosione, un bambino con ferite multiple causate da schegge, e un neonato di due mesi con un trauma cranico.

MSF Yemen

La donna incinta e il neonato sono stati in seguito trasferiti in un ospedale specializzato in cure materno-infantili per ricevere ulteriori trattamenti.

MSF è profondamente preoccupata per l’impatto sui civili dei recenti scontri nel governatorato di Marib. Dopo quasi sette anni di conflitto, l’attacco missilistico di domenica è l’ennesimo esempio degli effetti spaventosi che il conflitto ha sulla popolazione yemenita. Esortiamo con forza le parti in guerra ad impedire che i civili vengano feriti o uccisi durante i combattimenti in corso a Marib, ora e in futuro”.Allen MurphyCapoprogetto MSF a Marib

Di recente l’area di Marib ha assistito ad una nuova intensa ondata di conflitto. Nelle ultime due settimane, l’ospedale di Marib ha ricevuto centinaia di pazienti con ferite da arma da fuoco, inclusi civili.

Lanciamo un appello alle parti coinvolte nel conflitto affinché rispettino il Diritto internazionale umanitario che garantisce la sicurezza dei civili durante un conflitto.

Prima dell’inizio della guerra, a Marib vivevano quasi 400.000 persone secondo le autorità locali. Attualmente ne ospita circa 2,7 milioni, tra cui sfollati interni provenienti da altre aree, molti sfollati più volte.

Il recente intensificarsi del conflitto potrebbe obbligare sempre più persone a spostarsi, facendo così aumentare i bisogni umanitari già presenti in termini di sistemazioni, cibo, acqua, protezione e assistenza sanitaria.

Supportiamo il pronto soccorso dell’ospedale di Marib dall’aprile 2021, con un’équipe composta da medici, infermieri e un chirurgo. Gestiamo inoltre alcune cliniche mobili in otto località diverse dell’area per fornire assistenza medica di base agli sfollati interni, ai migranti e alla comunità Muhamasheen.

5 Ottobre 2021

Attacco missilistico a Marib – Medici Senza Frontiere Italia

 

***

 

È emergenza acqua in Siria

Dieci anni di guerra hanno lasciato le infrastrutture idriche e sanitarie del Paese gravemente danneggiate e oggi oltre tre milioni di persone, la maggior parte sfollati interni, affrontano una grave crisi idrica che mette a rischio la loro salute. Leggi►

Arresti di massa a Tripoli

In pochi giorni sono più che triplicate le persone nei centri di detenzione di Tripoli. Almeno 5.000 sono state rastrellate con violenza intorno alla città dalle forze di sicurezza governative.
I nostri team sono riusciti a visitare due centri dove sono trattenute. Leggi►

Migliaia di migranti a rischio in Messico

Abbiamo lanciato un intervento di emergenza al confine meridionale del Messico per assistere decine di migliaia di migranti bloccati a causa di deportazioni e politiche di asilo fallimentari. Leggi►

Lampedusa, porta d’Europa

Abbiamo raccolto le voci di chi assiste uomini, donne e bambini in arrivo sull’isola, mentre nel Mediterraneo, a 8 anni dal tragico naufragio a largo di Lampedusa, si continua a morire per la colpevole inazione degli stati europei.
Guarda il video ►

L’articolo MSF: Attacco missilistico a Marib (Yemen) causa numerose vittime civili proviene da AmbienteWeb.

Powered by WPeMatico